Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 974
COMISO - 04/11/2009
Attualità - Comiso: musica e canti per l’inaugurazione del Csr

Disabili e coristi del «Mariele Ventre» a Viagrande

Il Consorzio siciliano di riabilitazione punta alle attività di integrazione sociale
Foto CorrierediRagusa.it

Hanno cantato assieme, portando la loro musica e le loro voci fuori dal territorio ragusano. Si sono esibiti domenica scorsa, 1 novembre, a Viagrande, in provincia di Catania, i ragazzi del coro «Mariele Ventre» di Ragusa (nella foto), in occasione dell’inaugurazione di un nuovo centro per disabili realizzato dal Consorzio Siciliano di Riabilitazione proprio nel comune catanese.

Diretti dall’insegnante Giovanna Guastella, i ragazzi del coro «Mariele Ventre» si sono esibiti assieme ad una decina di bambini disabili assistiti dai Csr di Ragusa, Comiso, Modica e Pozzallo, davanti ad un pubblico di oltre mille persone. E’ stata un’esperienza unica e molto importante, che ha consentito ai ragazzini del coro e agli assistiti del Csr di costruire nuove amicizie e di farsi conoscere da un vasto pubblico.

Il Consorzio Siciliano di Riabilitazione, infatti, punta molto alle attività di integrazione sociale dei propri assistiti, offrendo loro diverse opportunità per conoscere posti nuovi, fare esperienze inedite e sviluppare le capacità artistiche di ognuno di loro: è così per il canto, ma anche per le attività di danza, di pittura e così via. Molto soddisfatta dell’esibizione, anche la direttrice sanitaria dei Csr del ragusano, Giovanna Di Falco. Il coro «Mariele Ventre», composto da 50 bambini di età compresa tra i 4 ed i 12/13 anni, ha come obiettivo la socializzazione e l’amicizia tra i bambini che hanno in comune la passione per il canto e lo Zecchino d’Oro.