Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 807
COMISO - 12/09/2009
Attualità - Comiso: l’iniziativa trova sempre più consensi nel comparto produttivo

Un consorzio per il centro commerciale naturale

Ad oggi sono circa 40 i commercianti che hanno dato la loro adesione
Foto CorrierediRagusa.it

Trova sempre più consensi nel comparto produttivo del centro storico cittadino, l’iniziativa della costituzione di un consorzio per la creazione del centro commerciale naturale. Ad oggi sono circa 40 i commercianti che hanno dato la loro adesione. Il consorzio costituito da ditte private, sarà gestito proprio dai privati ma, ancor più, dovrebbe apportare benefici economici esclusivamente a loro. Infatti, la regione, avendo applicato una legge varata nel 2005, la ha resa esecutiva, impinguandone i capitoli finanziari che potranno essere utilizzati dai consorzi tramite bandi. Le azioni previste dalla legge, riguardano finanziamenti per ristrutturazioni di locali commerciali, arredo urbano, pubblicità, creazione di siti internet, momenti di animazione ed altro ancora.

«L’ente locale ha un ruolo periferico – ha dichiarato Salvo Dipietro (nella foto), assessore alle attività produttive - che consiste nel ratificare il consorzio tramite consiglio comunale, e di inviare a Palermo la delibera di realizzazione del consorzio stesso. In seguito l’ amministrazione potrà diventare solo il punto di contatto tra assessorato regionale e commercianti facenti parte del consorzio - conclude l´assessore - per decidere assieme e sinergicamente, quali possono essere i bandi più utili per accedere ai finanziamenti che, di volta in volta, la regione metterà a disposizione».

Dipietro ha anche spiegato che esiste un numero minimo di adesioni al consorzio, 20 commercianti per l’esattezza, ma che ad oggi le adesioni sono già il doppio.