Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 731
COMISO - 27/07/2009
Attualità - Comiso: accordo con l’ateneo catanese per completare l’anno accademico

Comiso: il corso d´Informatica è salvo per un altro anno

L’assessore Maria Rita Schembari: «L’amministrazione sta pagando 815 mila euro di debiti con rate di 9 mila mensili. Dal 2011 il corso chiude»

Tra le facoltà «assolte» in provincia di Ragusa, c’è anche quella di Comiso. A comunicarlo è l’assessore alla pubblica istruzione Maria Rita Schembari. Il terzo anno del Corso di Laurea in Informatica Applicata dell’Università degli Studi di Catania avrà luogo regolarmente a Comiso, presso la sede del Centro Euromediterraneo d’Eccellenza, anche per l’anno accademico 2009-2010.

Gli studenti universitari potranno completare il corso di studi in loco senza la necessità di trasferirsi a Catania, nonostante le notizie diffuse di recente dallo stesso rettore dell’ateneo catanese, Antonino Recca.

«L’Amministrazione comunale- dice l’assessore Maria Rita Schembari- si è opposta all’ipotesi di chiusura fin dal prossimo anno accademico del corso di Informatica Applicata presso il Centro Euromediterraneo d’Eccellenza. Abbiamo chiesto di rivedere tale decisione che avrebbe penalizzato gli allievi e, prima ancora che il Comune affrontasse una battaglia legale, il Senato Accademico dell’Università degli Studi di Catania, ha deciso di concludere regolarmente il terzo anno del corso di laurea in questione, come del resto stabilito dalla vigente convenzione tra i due enti. Pertanto, le lezioni e gli esami si svolgeranno a Comiso».

Ma la chiusura è rinviata solo di un anno. «Resta confermato – precisa l’assessore- che il corso di Laurea in Informatica Applicata chiuderà i battenti al termine del prossimo anno accademico a causa degli alti costi che il Comune non può sopportare, circa un milione e mezzo di euro all’anno per ogni corso triennale. Nel frattempo, l’amministrazione comunale sta ripianando l’enorme debito contratto con l’ateneo catanese, si tratta di 815 mila euro, ereditato dalla precedente amministrazione. Secondo i nuovi accordi intervenuti con l’Università degli Studi di Catania, esso sarà rimborsato senza interessi, in sette anni, con rate mensili di circa 9 mila euro».

In futuro, il Centro Euromediterraneo d’Eccellenza potrebbe ospitare corsi specialistici post laurea. In tal senso sono al vaglio dell’Amministrazione comunale diverse proposte e contatti con alcune università.