Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 696
COMISO - 03/06/2009
Attualità - Comiso: singolare iniziativa delle scuole cittadine

«L’infanzia negata», i giovani parlano ai giovani in un film

Il lavoro è stato realizzato da studenti, docenti e genitori sotto la regia del prof Nicola Tomasi. «Un messaggio ai giovani e agli adulti sperando nella redenzione»

«L’infanzia negata». È questo il titolo di un film interamente realizzato dai giovani delle scuole di Comiso. In molti hanno aderito: le due scuole medie locali, la Verga e la Pirandello, e un nutrito gruppo di studenti del liceo Carducci, sezione classica e scientifica. La storia è stata completamente ideata, scritta e sceneggiata dai ragazzi, con la collaborazione dei professori, dei genitori e dei presidi, sotto l’egregia regia del professore di lettere Nicola Tomasi (scuola media Pirandello).

La trama del film che ha impegnato tutti per diversi mesi, è imperniata sulla vita piena di traversie di un ragazzino che rimane orfano e viene affidato alla famiglia di un onorevole che se ne prende cura come fosse il padre. Ma il bambino viene improvvisamente rapito da alcuni malviventi a scopo di ricatto. Durante la sua prigionia, conosce uno dei suoi rapitori, il più giovane che, nel corso del tempo, subisce una crisi di coscienza e, solo attraverso la conoscenza del ragazzo, si avvia verso un percorso di catarsi che alla fine, lo porterà a liberare il ragazzino dalla sua prigionia.

Il film ha l’obiettivo di lanciare diversi messaggi ai giovani, come agli adulti. Innanzitutto, quello che nessuno è davvero malvagio, ma che ha sempre una possibilità di salvezza. L’altro, è quello di sensibilizzare i giovani a seguire percorsi di legalità. Un altro, tra i tanti, è che i giovani con la loro purezza d’animo, possono cambiare il mondo e la sua cattiveria. La prima del film, sarà proiettata sabato 6 giugno, al tetro Naselli di Comiso.