Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 869
COMISO - 18/05/2009
Attualità - Folla di fedeli a Modica. A Comiso festa sobria e in tono dimesso

La festa della Madonna celebrata a Modica e Comiso

Le due città iblee sentono in maniera particolare queste tradizioni religiose
Foto CorrierediRagusa.it

In una domenica di primavera inoltrata, accarezzata dal tiepido vento di scirocco, si è celebrata la festa della Madonna a Modica e a Comiso. Nella città della contea il Santuario della Madonna delle Grazie è rimasto chiuso, ma i numerosissimi fedeli hanno potuto seguire all´aperto la messa celebrata dal Vescovo di Noto Monsignor Antonio Staglianò, nell´ampio piazzale antistante il tempio.

Una folla di fedeli ha accompagnato il simulacro anche in serata, nel corso della tradizionale processione fino al mercato ortofrutticolo di viale Medaglie d´Oro. Poi i fuochi d´artificio. Una festa sempre sentita e partecipata, nonostante i disagi causati da un paio d´anni per la chiusura del Santuario. Ma i lavori di restauro sono ormai quasi del tutto ultimati e la riapertura definitiva si avrà a settembre.

A Comiso invece è stata la giornata della festa della Madonna Addolorata. In Piazza fonte Diana, il coro dei bambini ha intonato il famoso e commovente inno alla Madonna, madre di tutte le madri che hanno pianto, piangono e piangeranno i loro figli.

Questa festa oggi, è sentita più che mai data l’attualità di un dolore che, nel mondo accomuna le donne di ogni razza, nazione e religione. Avvolta da un manto nero costellato di stelle dorate, la statua di Maria Addolorata sfila per le vie del paese, con il suo millenario coltello che le trafigge il cuore.

Questa celebrazione di fine primavera può essere paragonata alla festa religiosa delle donne. Sì, una festa. Perché il dolore universale di una madre trova conforto solo nella speranza della resurrezione dell’anima di un figlio, con il quale un giorno, così come la Madonna, potrà ricongiungersi.

Centinaia di persone hanno seguito il corteo sino a tarda sera quando la cerimonia si è conclusa con dimessi giochi pirotecnici, in segno di rispetto e solidarietà per le vittime dell’ Abruzzo.

(Nella foto in alto la Madonna dell´Addolorata a Comiso. Sotto, la processione della Madonna delle Grazie a Modica. Cliccateci sopra per ingrandirla)

La processione della Madonna delle Grazie lungo via Vittorio Veneto a Modica