Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 231
COMISO - 06/05/2009
Attualità - Comiso: la protesta degli operatori ortofrutticoli

Niente più chiusura mattutina: al mercato tutto come prima

Il sindaco Alfano ha annullato l’ordinanza. Gli interessati avevano già sottoscritto una petizione di 200 firme contro il provvedimento sindacale
Foto CorrierediRagusa.it

Di mattina l’ordinanza è esecutiva, a fine serata il sindaco Giuseppe Alfano la sospende. Il tentativo di far chiudere il mercato nelle ore antimerdiane è fallito prima di cominciare. Una mossa che ha colto di sorpresa anche i firmatari della petizione con la quale si protestava contro l’ordinanza. La sospensione dell’ordinanza, in attesa che si riunisca la commissione per valutare meglio la situazione e l’opportunità di chiudere il mercato la mattina. «Un successo inaspettato – ha dichiarato uno degli operatori – scaturito soprattutto dalla massiccia presenza dei produttori».

La svolta, al termine di una giornata ricca di colpi di scienza. Prima l’ordinanza di chiusura mattutina del mercato ortofrutticolo comunale con la petizione di circa 200 firme finalizzate a fare annullare il provvedimento del sindaco, poi la mossa a sorpresa di Alfano. Gli operatori del mercato temono che la chiusura mattutina possa far perdere clienti e una diminuzione di stipendio mensile da parte di operai e contabili.

«Abbiamo una grossa fetta di acquirenti che vengono dal calatino- sostiene un produttore- che si rifornisce al mercato di Comiso proprio perché è aperto di mattina. Se invece non si offre la possibilità di acquisto mattutino, è ovvio che si andrà alla ricerca di altri mercati».

Il responsabile dell’Ascom, Salvatore Digiacomo, non è stato affatto d’accordo: «Sono solo strumentalizzazioni politiche – ha dichiarato ai produttori presenti alla protesta – che non portano a nulla. Abbiamo solo voluto sperimentare fino alla fine di giugno, un orario che dia più dignità ai lavoratori e solo per tre giorni alla settimana. Se l’esperimento non dovesse avere gli effetti desiderati, si tornerà all’orario solito, con l’apertura mattutina e pomeridiana del mercato». Con l’annullamento dell’ordinanza, il sindaco Alfano ha chiuso le ostilità.

(Nella foto in alto un momento della protesta al mercato)