Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 536
COMISO - 27/04/2009
Attualità - Il rinnovo delle locali sezioni dell’organismo nei due comuni

Comiso: Ascom rinnovato. Modica: il presidente è Assenza

Intanto è polemica sulla libera apertura dei negozi per la festività del 1° maggio

È stato eletto a Comiso, al termine di una massiccia votazione, il direttivo dell’Ascom che sarà composto da 11 membri. Ma non mancano le polemiche per l’apertura dei negozi per il 1 maggio, voluta dalla stessa associazione di categoria.

A votare su 191 aventi diritto, 104 iscritti all’associazione di categoria. Gli eletti sono: Salvatore Digiacomo con 94 voti, Rosario Dibennardo 80, Alessandrello Raffaele 51, Rosario Castelletti 43, Salvatore Meli 31, Orazio Nannaro 28, Matteo Ceccato 27, Carmelo Dicaro 24, Giuseppe Campo 18, Giueppe Vittoria 16, Vito Gulfi 13, Dario Maltese e Giuseppe Lauretta ex equo 11 voti (ma pare che subentrerà Lauretta per anzianità), Nunzio Cilia 8, Davide Diara 6, Giuseppina Varano 4 e Laura Inghilterra 2.

La prossima settimana, il neo direttivo si riunirà per eleggere al suo interno il presidente ed il vice presidente. Dopo le dimissioni di Michele Spata avvenute nel mese di giugno, era stato nominato reggente pro tempore Salvatore Digiacomo, che comunque sembra collocarsi ancora in pole position per una riconferma. Intanto, è già esplosa la polemica per l’ordinanza di apertura prevista per il 1° maggio.

L’ordinanza prevede la chiusura facoltativa delle attività commerciali. Ma in molti non ci stanno. Soprattutto gli esercenti che non sono iscritti all’Acom. Salvatore Digiacomo, l’attuale reggente, ha spiegato la decisione dichiarando: «Il 1° di maggio quest’anno cade di venerdì, quindi emanare un’ordinanza di chiusura, avrebbe danneggiato gli ambulanti che montano al mercatino settimanale.

In un momento di crisi come questo, e con le condizioni climatiche di questi mesi che molto spesso hanno inibito l’apertura del mercato settimanale, abbiamo pensato di lasciare liberi i commercianti e di offrire la possibilità agli ambulanti di recuperare una giornata lavorativa. Adesso – ha concluso Digiacomo- stiamo provvedendo a fare aprire il mercato ortofrutticolo comunale giovedì pomeriggio di giorno 31 aprile, in modo da consentire ai venditori ambulanti di acquistare ortofrutticolo fresco per il 1° maggio».


A MODICA E´ GIUSEPPE ASSENZA IL NUOVO PRESIDENTE DELL´ASCOM
di Duccio Gennaro


Giuseppe Assenza è stato eletto presidente della locale sezione della associazione commercianti. Assenza è stato eletto all’unanimità e resterà in carico per un triennio; Assenza succede a Bruno Azzarelli che è rimasto a far parte del direttivo. Vicepresidente dell’Ascom è stato eletto Giuseppe Barone, già presidente provinciale della Fipe mentre alla carica di tesoriere è stato riconfermato Giorgio Piccionello.

Gli altri sette componenti del direttivo sono Giuseppe Giannone, Giorgio Moncada, Girolamo Carpentieri, Marisa Giunta, Salvatore Caruso, Carmelo Baglieri e Luca Guerrieri. Assenza è stato eletto alle recenti consultazioni della categoria con 151 voti su 220 ed il direttivo ha proposto in modo univoco il suo nome per la presidenza. Assenza, commerciante nel campo dell’abbigliamento, rappresenta la cerniera tra le due anime dell’Ascom, rappresentative della grande distribuzione del polo commerciale e dei negozi a conduzione familiare o con pochi addetti.

«Obiettivo del mio mandato è quello di riconfermare il ruolo della città come punto di riferimento commerciale del sud est e della provincia – dice Giuseppe Assenza. L’intenzione del neo presidente è di tutelare gli interessi di tutti gli associati; tra i problemi più spinosi sul tappeto il confronto con l’associazione dei dipendenti che si battono per una regolamentazione delle aperture festive più consona alle esigenze delle famiglie.