Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1116
COMISO - 10/02/2009
Attualità - Comiso: ispezione delle Fiamme gialle al Comune

La GdF acquisisce atti sui "Contratti di finanza"

Il direttore generale Alberto De Petro per 4 ore con gl’ispettori. Al setaccio i finanziamenti erogati dalla Banca nazionale lavoro Foto Corrierediragusa.it

L’assessore al Bilancio Raffaele Puglisi conferma la visita dei finanzieri al Comune e spiega nei dettagli di cosa si tratti. «Siamo sereni, anzi accogliamo di buon grado le ispezioni della Guardia di Finanza che, a tutti i livelli, sta effettuando delle indagini su alcuni finanziamenti richiesti dagli enti locali, ed in particolare dalla passata amministrazione a Comiso».

Non sul bilancio 2007, dunque, ma sui contrati di finanza è concentrata l´attenzione delle "fiamme gialle". Si tratta di quei finanziamenti erogati dalla Banca nazionale del lavoro per la ristrutturazione dei debiti dell’ente.

«Il primo contratto di finanziamento- riprende Puglisi risale al 2002 per un totale di circa 11 milioni e mezzo di euro, somme impegnate dall’amministrazione passata in parte per sanare debiti, in parte per investire in operazioni bancarie che avrebbero dovuto fare fruttare interessi all’Ente. Questo contratto è stato rinnovato per ben tre volte, ma dal 2007 in poi le quote dei derivati, sono andate in passivo anziché in attivo".

La Finanza ha acquisito documenti e testimonianze per chiarire determinate procedure sui rinnovi di questi contratti con la banca e sull’ utilizzo dei finanziamenti che si sono rilevati dannosi per gli enti locali. Gli atti concernenti il conto consuntivo 2007, dove era stato accertato un disavanzo di 7 milioni di euro, già inviati dall’amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Alfano(nella foto)alla Procura della Repubblica ed alla Corte dei Conti di Palermo, in questa circostanza non c´entrano.