Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1409
COMISO - 19/12/2008
Attualità - Comiso - La Giunta municipale ha adottato la delibera

Comiso: precari stabilizzati

L’assessore al personale Cugnata: "Un fatto di grande rilevanza". Ma il Pd non è affatto d’accordo
Foto CorrierediRagusa.it

La Giunta municipale ha adottato la delibera che dà il via all’inserimento nell’organico dell’Ente del personale ex Asu e contrattista. Si tratta di poco meno di 300 lavoratori che si aggiungono ai circa 200 dipendenti in pianta stabile.

Era un provvedimento che l’Amministrazione, secondo le norme di legge vigenti, doveva adottare entro il 31 dicembre del corrente anno. La stabilizzazione avverrà sulla base di normative diverse, regionale per gli ex articolisti, nazionale per i contrattisti. Il primo passo è rappresentato da un avviso pubblico finalizzato alla stesura di un elenco del personale in possesso dei requisiti utili alla stabilizzazione. Secondo le norme attualmente in vigore la procedura dovrebbe concludersi entro il 30 giugno del prossimo anno.

«L’adozione della delibera - spiega l’assessore al Personale Giancarlo Cugnata - è un fatto di grande rilevanza perché ci consente, nelle more della stabilizzazione definitiva, di prorogare quei contratti che l’Amministrazione ritiene utili all’Ente. Col provvedimento varato ieri la Giunta Alfano a cinque mesi dal suo insediamento realizza finalmente un passaggio che i lavoratori attendevano da anni».

«Lunedì prossimo - prosegue Cugnata - il sindaco e io avremo un confronto con le organizzazioni sindacali alle quali esporremo le linee guida della delibera. Dopo di che il piano sarà illustrato, nel corso di una conferenza stampa, agli organi di informazione e quindi alla città. E’ nostro fermo intendimento porre, soddisfare le aspettative dei lavoratori ponendo fine in tempi brevi alla piaga del precariato che al Comune di Comiso ha assunto purtroppo per responsabilità di altri dimensioni gigantesche».


L´OPPOSIZIONE CRITICA L´ASSESSORE CUGNATA

«L’amministrazione comunale finalmente si pronuncia sul futuro dei precari comisani. E invece che rassicurare, le dichiarazioni dell’assessore Cugnata dipingono un quadro fosco e preoccupante, che non dà alcuna certezza ma paventa un futuro immediato drammatico per alcuni lavoratori. Ma il diritto al lavoro non è una opinione, ma un diritto costituzionale.» A dichiararlo sono i rappresentanti del Pd di Comiso Salvatore Zago, Gigi Bellassai e Tano Gaglio.

I tre rappresentanti dell’opposizione dichiarano in una nota congiunta che l’assessore fa presente come l’avvio della procedura di stabilizzazione preveda uno sgradevole contraltare: il mancato rinnovo del rapporto di lavoro per una quota di precari già dal primo gennaio 2009. L’amministrazione Comunale, secondo il Pd, anziché rasserenare i lavoratori, annuncia seraficamente che prorogherà soltanto quei contratti ritenuti «utili» dall’Ente, senza peraltro specificare alcun criterio di valutazione e, soprattutto, senza annunciare l’avvio di alcuna selezione in grado di conferire il diritto previsto per legge alla stabilizzazione.

«In cambio dell’avvio di una procedura non ben calendarizzata per la stabilizzazione, l’Amministrazione Alfano ci regala per Natale l’incubo delle liste di buoni e cattivi, la certezza che alcuni lavoratori perderanno il posto ed i mezzi di sostentamento, la perdurante incertezza in merito all’avvio ed alla tempistica delle selezioni necessarie. Si prende tempo, ancora una volta, col rischio che la finanziaria 2008 riduca ulteriormente la platea degli aventi diritto alla stabilizzazione.»

L’opposizione comisana afferma che non sono queste le risposte che la città e i lavoratori attendevano e che occorre, in presenza di un dato congiunturale drammatico, difendere tutti i posti di lavoro esistenti, assicurando alle famiglie coinvolte la serenità economica immediata e la prospettiva di un futuro meno incerto.

(Nella foto in alto la sede del comune di Comiso)