Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 722
COMISO - 03/12/2008
Attualità - Comiso - L’istituto secondario "Carducci" sbarca ad Agrigento

Comiso: studenti relatori per Pirandello

Al 45mo Convegno internazionale di studi pirandelliani Foto Corrierediragusa.it

Anche gli alunni dell’istituto secondario «Carducci» di Comiso fra i relatori del 45mo Convegno internazionale di studi pirandelliani che si svolgerà al Palacongressi di Agrigento dal 5 all’8 dicembre. Sull’argomento proposto quest’anno, «L’attualità di Pirandello (nella foto)», si misureranno i più eminenti studiosi della materia provenienti dalle più prestigiose università del mondo. Accanto a loro anche un folto gruppo di studenti provenienti da tutta Italia.

Gli alunni dell’istituto «Carducci» hanno partecipato numerosi e in maniera entusiastica; ben 40 studenti si recheranno ad Agrigento per assistere ai lavori del Convegno e per parteciparvi attivamente. Essi sono infatti chiamati a relazionare sui risultati della loro ricerca , trasformandosi in relatori a loro volta di fronte ai relatori ufficiali, e competeranno al concorso che premierà, nella serata conclusiva dell’8 dicembre, il miglior lavoro di ricerca.

Gli alunni sono stati guidati con altrettanto entusiasmo dalla professoressa Maria Rita Schembari, refente dell’istituto in materia, e dalle insegnanti Maria Grazia Fedino, Rosanna Maganuco, Melania Mandarà, che hanno coordinato i lavori di ricerca dei gruppi di allievi.

Una partecipazione così numerosa ha comportato spese ingenti, che la scuola non avrebbe potuto sostenere senza l’apporto di partner pubblici e privati. Tempestive sono state le risposte delle istituzioni del nostro territorio: il Comune di Comiso hanno garantito a ciascuno dei 40 alunni un contributo alle spese.

« Sono grato a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dell’iniziativa»- ha detto il dirigente scolastico Corrado Roccaro- «perché la partecipazione al progetto avvalora la tesi secondo cui la formazione culturale e umana dei nostri promettenti giovani deve essere una priorità assoluta, e non deve essere affidata solo alla scuola. Grazie al lavoro indefesso ed entusiastico dei loro insegnanti e della coordinatrice del progetto, prof. Schembari, i nostri alunni si apprestano a conoscere ancor più da vicino l’opera dello scrittore girgentano».