Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 984
COMISO - 27/11/2008
Attualità - Interessati Comiso, Pozzallo, Scicli e Vittoria

Video sorveglianza in 5 comuni

Sono le città considerate a più alto rischio criminalità Foto Corrierediragusa.it

E´ stato finanziato con fondi dell’Unione Europea un sistema di video sorveglianza nei comuni considerati a più alto rischio criminalità, vale a dire Comiso, Pozzallo, Scicli e Vittoria. L’importo dell’opera finanziata, per quanto riguarda Comiso, ammonta a circa un milione 500 mila euro e sarà realizzata nel corso del 2009.

Tutto questo nell’ambito del Progetto Nazionale Pon Sicurezza per lo Sviluppo.
L’istanza di finanziamento per la realizzazione di un sistema di video sorveglianza cittadina è stata avanzata dall’Amministrazione comunale comisana lo scorso luglio. Le telecamere saranno poste sia negli abitati di Comiso e Pedalino sia nei pressi dell’aeroporto.

Mercoledì prossimo, nel corso di una prima riunione operativa, si individueranno le priorità per gli interventi da effettuarsi. Successivamente avrà luogo un incontro con dell’impresa «Capgemini», aggiudicataria della gara d’appalto per la realizzazione delle opere. Il progetto sarà realizzato nel corso del 2009.

«Si tratta di un progetto al quale, personalmente, ho tenuto parecchio e che risponde in modo adeguato alla richiesta di sicurezza più volte manifestata da cittadini e varie associazioni di categoria, soprattutto commercianti" ha dichiarato il sindaco di Comiso Peppe Alfano.

Anche Patto per Scicli esprime la propria soddisfazione. "A Scicli il numero di fatti delittuosi, nel corso dell´ultimo anno, è stato elevatissimo -scrive Patto per Scicli - e per la gran parte di questi episodi, nonostante l´impegno delle forze dell´ordine, non sono stati individuati i responsabili".