Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 761
COMISO - 01/09/2016
Attualità - Piccoli branchi di cani presenti nella zona 167, fenomeno ancora da debellare

Comiso, Rangers in azione per debellare randagismo

L’amministrazione Spataro ha iscritto in bilancio 180 mila euro per combattere il fenomeno Foto Corrierediragusa.it

Rangers ed accalappiacani in azioni per debellare il fenomeno randagismo. Le squadre stanno dedicando la loro attenzione in questi giorni alla zona 167 dove sono sempre presenti gruppi di cani randagi che mettono in difficoltà i residenti. I branchi sono comunque segnalati anche in altre zone della città, centro compreso, e l’amministrazione vuole correre ai ripari prima che si verifichino altre aggressioni come quella nei confronti di un ragazzo nello scorso giugno, che per fortuna procurò alla vittima solo qualche lesine e tanta paura.

L’amministrazione Spataro ha iscritto in bilancio 180 mila euro per combattere il fenomeno e promosso una campagna di sterilizzazione dei cani di proprietà. E’stato poi attrezzato un rifugio sanitari presso l’ex base Nato. In attesa delle autorizzazioni dell’Asp di ragusa si stanno completando i lavori per una struttura che potrà ospitare circa 60 animali. Negli ultimi due anni circa 250 cani sono stai trasferiti presso strutture del nord e 60 adottati ma, evidentemente, i numeri sono alti e il volontariato non basta.