Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1386
COMISO - 03/09/2008
Attualità - Comiso - Sono stati i vicini a lanciare l’allarme

La triste storia di un´anziana:
sola tra i topi e senza elettricità

Condizioni igienico sanitarie pessime. La donna si è barricata in casa ma nei prossimi giorni sarà ricoverata in un centro anziani Foto Corrierediragusa.it

Anziana donna di Comiso ritrovata sola, senza luce, ed in condizioni igienico sanitarie inenarrabili. La triste scoperta è avvenuta dopo l’allarme dei vicini di casa.

Prima della stagione estiva, la neo amministrazione aveva provveduto come da prassi, alla derattizzazione e disinfestazione del centro urbano cittadino.

In nessun quartiere dopo la misura attivata, si erano registrate presenze di ratti, tranne in uno. Con il passare delle settimane, la sconcertante presenza di topi è divenuta sempre più evidente. I residenti, a fine agosto, hanno notato topi dappertutto: sui loro balconi, a «spasso» lungo le finestre ed addirittura nella strada dove giocano i ragazzini. Quindi, si sono rivolti immediatamente al sindaco che ha inviato i vigili urbani a controllare la zona. In effetti, è stato costatato che i topi, fuoriuscivano da una abitazione. E ne uscivano a decine. Ma la casa non era disabitata. Infatti la triste scoperta: una anziana, sola, senza familiari, diffidente nei riguardi dei parenti, vive in quella «topaia», senza acqua, senza luce, ed in condizioni igienico sanitarie incredibili.

L’assessore ai servizi sociali, Salvo Girlando, si è immediatamente attivato per tentare di rintracciare qualche parente prossimo, ma l’unico coniunto conosciuto, vive fuori Comiso. Addirittura, come ci ha raccontato Girlando, è stata una impresa risalire anche al medico curante della signora, poiché la stessa si è barricata in casa, ed ha ostentato atteggiamenti aggressivi anche contro la polizia municipale che ha cercato di entrare in casa per effettuare un controllo. Stamane finalmente, grazie anche all’intervento delle assistenti sociali, si è potuto procedere ad un controllo congiunto tra amministrazione comunale, ed uffici sanitari dell’ ASL.

Nei prossimi giorni, si procederà ad un ricovero temporaneo dell’anziana donna, per potere effettuare una approfondita disinfestazione della sua abitazione.

Ma torna ancora una volta il grosso problema della solitudine nella quale vivono molti anziani che non hanno il conforto di una famiglia che possa prendersi cura di loro. E da questo punto di vista, le leggi attuali, non sono adeguate a potere dirimere in qualche modo tali problematiche.