Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 503
COMISO - 26/07/2015
Attualità - E’ stato accolto calorosamente dai fedeli

Fra Scaglione nuovo sacerdote ai Santi Apostoli

Ha celebrato la sua prima messa nella cittadina casmenea Foto Corrierediragusa.it

Un nuovo sacerdote a Comiso. Fra Salvatore Scaglione, 30 anni (nella foto con Don Bertino), religioso della Fraternità francescana di Betania, è stato ordinato sacerdote lo scorso 27 giugno. L’ordinazione sacerdotale, è avvenuta nella cappella della Casa madre della Fraternità, a Terlizzi (Bari). Ad imporre le mani per l’ordinazione è stato il vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, monsignor Luigi Martella. Monsignor Martella è morto all’improvviso dieci giorni dopo. Fra Salvatore Scaglione vive ed opera attualmente nella comunità di Cella di Noceto (Parma), dove ricopre l’incarico di vice-maestro dei «Novizi». E’ entrato nella Fraternità francescana di Betania nove anni fa, nel novembre 2006. Ha vissuto il periodo di discernimento (postulantato e noviziato), per un anno e mezzo, a Terlizzi. Ha studiato all’Università Urbaniana di Roma ed alla Facoltà Teologica pugliese di Santa Fara, a Bari, dove ha conseguito il Baccellerato in Teologia. Nel 2008 ha emesso i primi voti (temporanei), nel 2011 ha emesso i voti perpetui. Il 30 giugno del 2014 è stato ordinato diacono. Il 27 giugno 2015 è stato ordinato presbitero.
Oggi Fra Scaglione ha celebrato la sua prima messa nella parrocchia dei Santi Apostoli dove ad attenderlo c´erano il parroco, don Salvatore Bertino e l’intera comunità.

«Sono felice di essere sacerdote – ha detto - ma soprattutto felice di essere «fratello», all’interno della Fraternità. Ai miei amici ed alla mia parrocchia dico di cercare sempre il Signore nella loro vita e di non aver paura di aprire il cuore».