Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 453
COMISO - 17/06/2015
Attualità - Fratelli d’Italia scrive alla Soprintendenza

Le basole delle polemiche sul ponte Onorio: denuncia

L’assessore Fianchino fornisce la sua versione dei fatti Foto Corrierediragusa.it

E’ culminata in una denuncia alla Soprintendenza di Ragusa da parte di Fratelli d’Italia la vicenda dei lavori di manutenzione con parziale rifacimento del manto stradale dell’antico ponte Onorio a Comiso (foto). Fratelli d’Italia ha inviato il documento alla Soprintendenza corredandolo di foto per documentare la parziale rimozione delle tradizionali e caratteristiche basole di pietra e la successiva colata di cemento. « Nei giorni scorsi – ha spiegato l’assessore – abbiamo effettuato un intervento di estrema urgenza nel tratto di via Roma del ponte Onorio poiché, a causa di alcune basole in pietra divelte e usurate, erano state riscontrate delle buche che hanno minato la sicurezza della viabilità, come del resto ho verificato personalmente con i tecnici degli uffici competenti. Per cui – ha continuato Fianchino – davanti al peggiorare delle condizioni e alle reiterate segnalazioni dei residenti, ho fatto una considerazione fondata su un ragionamento squisitamente tecnico. Se fossero state ripristinate le basole in pietra tutto il tratto sarebbe stato transennato per numerosi giorni e la circolazione veicolare ne avrebbe risentito pesantemente, come pesantemente ne avrebbero risentito gli autotrasportatori delle imprese artigianali che non avrebbero avuto alcuno sbocco alternativo.

Quindi, considerato che sono stati inoltre riscontrati degli interventi effettuati in passato, quali l’utilizzo di asfalto e cemento in diverse porzioni del tratto stradale in questione , sono addivenuto alla conclusione , in attesa che il laboratorio realizzi le basole necessarie per il ripristino , di dare una risoluzione immediata ma temporanea per intervenire successivamente in maniera definitiva e rispettosa dello stile di quel tratto di strada. Sono invece stupito e amareggiato – ha concluso l’assessore Fianchino – dalle polemiche delle opposizioni davanti ad un intervento che, seppure in due fasi, garantisce condizioni di sicurezza stradale».