Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 729
COMISO - 01/07/2008
Attualità - Comiso - Dopo il sopralluogo della Protezione civile

Comiso: pericolo a Cava Porcaro

Il sindaco Alfano si sta adoperando per risolvere i problemi Foto Corrierediragusa.it

Cava Porcaro fonte di numerosi pericoli. E’ questa la prima denuncia del sindaco Giuseppe Alfano (nella foto).

Il neo primo cittadino aveva organizzato uno spettacolo di danza nel parco archeologico di Cava Porcaro, sito comisano famoso per la sua antica origine e per le sue bellezze ambientali e naturali. Ma appena due giorni prima della data stabilita per la kermesse, Alfano è stato allertato dal settore di protezione civile di Comiso, sulla pericolosità del sito.

La storia va a ritroso. Circa due mesi fa, molto prima delle amministrative di Comiso, la protezione civile aveva effettuato un sopralluogo , inserito nella campagna anti incendio che ogni anno viene effettuata dallo stesso settore. Durante il sopralluogo erano emersi diversi fattori di rischio: l’assenza totale del sistema irriguo e quindi l’assenza di acqua in caso di incendio.

La pericolosità dei gradini dell’anfiteatro realizzati con spigoli vivi e non arrotondati, nonché lucidi e non bocciardati come norma anti scivolo. La mancata scerbatura nella vasta area che circonda il parco, e che può diventare vettore di incendi.

Dopo il sopralluogo, la Protezione civile ha provveduto con lettera scritta, alla segnalazione non solo agli uffici di competenza, ma anche ai responsabili della cooperativa che gestiva il parco.

Ma è rimasta lettera morta. Anche perché proprio negli ultimi due mesi, il comune è stato amministrato solo dal commissario straordinario che evidentemente, non ha avuto il tempo tecnico per provvedere a mettere in sicurezza il parco, che comunque, non prevedeva un sistema irriguo nemmeno nel progetto originario.

La kermesse di ballo, è stata dunque spostata all’ultimo momento, nel centro d’eccellenza del costruendo aeroporto, dal nome ancora da decidere.