Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1337
COMISO - 26/06/2008
Attualità - Comiso - La singolare trovata di un elettricista

Energia solare per i defunti:
ecco il cimitero fotovoltaico

E’ finita l’era dei lumini e delle lampade votive Foto Corrierediragusa.it

La tecnologia ed il progresso del terzo millennio, pervadono anche i cari defunti. ? questa la novità e la geniale trovata di un signore alquanto intraprendente di Comiso. E’ finita infatti l’era dei lumini e delle lampade votive che molto spesso si trovano ancora in molti cimiteri. Il signor P. C, elettricista da molti anni, sta installando in numero dirompente i mini pannelli fotovoltaici nelle cappelle dei defunti di Comiso. Un pannello a forma di parallelepipedo, piccolo, leggero e maneggevole, ad un costo davvero irrisorio per illuminare « in eterno», l’ultima dimora. Niente fili elettrici, niente buchi alle pareti. Solo l’energia del sole ad illuminare l’oscurità della morte. Il signor C., ha collocato il suo ufficio vendite davanti al cimitero di Comiso, e dopo pochi giorni, ha già stipulato più di 100 contratti.

«A parte la tecnologia, i miei obbiettivi sono due: illuminare le dimore dei nostri estinti sempre, senza preoccuparsi di controllare se il cero si è consumato o se si è spento, e far capire alla gente l’importanza di sistemi energetici alternativi in un momento in cui c’è veramente bisogno di dare una mano all’ambiente ed all’economia delle famiglie. Il mini pannello ? ha concluso il signor C.,- è solo una piccola testimonianza di cose grandi che si possono realizzare.»

Intanto, il neo sindaco di Comiso, Giuseppe Alfano, è stato talmente colpito da questa iniziativa, che domenica mattina, assisterà alla prima applicazione di questo pannello dalle dimensioni davvero minuscole.