Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1586
COMISO - 07/06/2014
Attualità - La reintitolazione dell’aeroscalo a distanza di 7 anni

Oggi l´aeroporto di Comiso ritorna a Pio La Torre (per sempre) alla presenza del Presidente del Senato Pietro Grasso

La scopertura della lapide in cui è stato scolpito il nome e a chiudere una conferenza per illustrare il senso della giornata Foto Corrierediragusa.it

Il presidente del Senato Pietro Grasso presenzierà oggi alla cerimonia di intitolazione dell´aeroporto di Comiso a Pio La Torre. Assieme alla seconda carica più alta dello Stato ci saranno anche il presidente della Regione, Rosario Crocetta, il presidente dell´Ars, Giovanni Ardizzone, il prefetto di Ragusa, Annunziato Vardè, il sindaco di Comiso e numerosi assessori regionali, tra cui Michela Stancheris con delega al Turismo, i sindaci dei comuni iblei e numerosi amministratori locali oltre ai massimi rappresentanti delle Forze dell´ordine, del sindacato e del mondo dell´Industria. La scaletta prevede l´arrivo delle autorità poco dopo le 10, poi la scopertura della lapide in cui è stato scolpito il nome di Pio La Torre e a chiudere una conferenza per illustrare il senso della giornata. Per lo scalo comisano è una giornata importante dopo quella dell´apertura al traffico avvenuta appena un anno fa. Sono passati 7 anni dalla precedente intitolazione dell´aeroporto di Comiso alla memoria di Pio La Torre. Ricorreva allora il 25mo anniversario dell´eccidio del segretario regionale del Pci e del suo autista Rosario Di Salvo e la giunta municipale guidata dal sindaco del tempo, Giuseppe Di Giacomo valutarono la circostanza utile per tentare di accelerare l´attivazione dell´aeroporto intitolando al segretario regionale del Pci.

Il sindaco Peppe Alfano, subentrato a Digiacomo ripristinò poi il nome originario di "Vincenzo Magliocco" nel bel mezzo di polemiche e contrapposizioni. Oggi la reintitolazione a Pio La Torre dovrebbe finalmente chiudere questa vicenda anche perchè l´Enac ha autorizzato il cambio nome dello scalo comisano. In maniera irreversibile.