Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 966
COMISO - 29/05/2014
Attualità - La cerimonia ufficiale si tiene sabato 7 giugno alla presenza delle massime autorità

Enac dice sì: aeroporto Comiso intitolato a Pio La Torre

L’ Ente Nazionale Aeroporti Civili ha infatti autorizzato il cambio di denominazione proposto dall’amministrazione comunale mettendo così un punto finale sulla controversa vicenda Foto Corrierediragusa.it

Anche l´Enac ha detto sì. L´aeroporto di Comiso (nella foto: l´ingresso principale) sarà intitolato a Pio La Torre. L´ Ente Nazionale Aeroporti Civili ha infatti autorizzato il cambio di denominazione proposto dall´amministrazione comunale mettendo così un punto finale sulla controversa vicenda. Dice il sindaco Filippo Spataro: «Pio La Torre» sarà il nome dell’aeroporto di Comiso, finchè esisterà l’infrastruttura. Voglio tranquillizzare quanti, giustamente, hanno fin qui pensato che quella del nome dell’aeroporto potesse diventare una imbarazzante telenovela, legata all’avvicendamento di questa o di quella amministrazione. Interpretiamo questa autorizzazione, come una doppia legittimazione: una per quanto concerne la scelta del nome, l’altra per quanto riguarda l’iter procedurale seguito dal comune.

Intitolare la struttura a Pio La Torre, ha diversi, importanti significati. Onorare il nome di un eroe nazionale, promotore della coraggiosa legge che ha inferto un durissimo colpo alla mafia, e per questo barbaramente ucciso; pacifista convinto che, proprio a Comiso, in piena guerra fredda, condusse la più grande battaglia d’Europa contro la corsa al riarmo e l’installazione dei missili Cruise. In ragione della posizione geograficamente strategica, Pio La Torre fu tra i primi a intuire l’importanza della conversione della base NATO a uso civile, per far si che si creasse un avamposto di crescita e di sviluppo economico per il nostro territorio e la Sicilia tutta. C ’è dunque la volontà di segnare una netta linea di demarcazione tra quello che era prima l’aeroporto, sia quando fu realizzato nel ’37 per scopi militari, sia quando venne utilizzato negli anni ’80 come base NATO, e quello che è oggi".

La cerimonia ufficiale di intitolazione dello scalo comisano si terrà sabato 7 giugno alla presenza delle più alte cariche dello Stato e della Regione. Da quel momento il nome del generale Vincenzo Magliocco resterà negli archivi.