Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 786
COMISO - 14/05/2008
Attualità - Comiso - La richiesta è stata decisa nell’ambito di una riunione

Comiso: Stato di calamità per l´uva?

Presenti i sei comuni del consorzio di tutela Igp Foto Corrierediragusa.it

I sei comuni del Consorzio di tutela Igp Uva da Tavola di Mazzarrone chiederanno alla Regione Siciliana lo stato di calamità naturale a causa del maltempo che venerdì e sabato scorso ha flagellato il territorio dell’intero comprensorio. Questa la decisione scaturita nel corso di una riunione svoltasi a Licodia Eubea tra i sindaci e rappresentanti dei comuni di Mazzarrone (capofila del consorzio), Comiso, Acate, Chiaramonte Gulfi, Caltagirone e Licodia Eubea.

In rappresentanza del Comune di Comiso è intervenuto Marco D’Aparo, collaboratore del Commissario straordinario e Angelo Moceri, appositamente delegato. La gestione commissariale del Comune, infatti non si sta limitando alla mera attività ordinaria, bensì, in presenza di fatti che richiedono una presenza e un’attività immediata dell’Ente, si assumono le opportune iniziative a salvaguardia dell’interesse generale come, del resto, già avvenuto per l’altra spinosa questione del virus del punteruolo rosso che ha afflitto diverse palme.

«Il forte vento dei giorni scorsi ? ha dichiarato D’Aparo ? ha causato notevoli danni alle culture e alle strutture con grave pregiudizio per i produttori. Le amministrazioni comunali del consorzio, pertanto, hanno deciso l’attivazione dello stato di calamità naturale e di interagire a questo proposito con l’Ispettorato Agricoltura e Foresta della Regione siciliana per il relativo risarcimento dei danni subiti dagli operatori del settore.

L’Amministrazione comunale comisana, invita, quindi, i produttori di Uva da Tavola Igp di Mazzarrone che hanno culture nel territorio comunale ad indirizzare al Commissario straordinario la documentazione degli eventuali danni subiti corredata da fotografie e perizia tecnica, entro il 31 maggio al fine di avere una mappatura dei danni e una loro quantificazione».

L’istanza va indirizzata presso il Municipio, sito in piazza Fonte Diana.