Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 941
COMISO - 30/04/2008
Attualità - Comiso - Slittamento di 143 giorni

Aeroporto di Comiso: oggi non
s´inaugura. Rinvio a settembre

Lo ha comunicato il commissario straordinario Moceri Foto Corrierediragusa.it

Vanno avanti per le lunghe i lavori riguardanti la realizzazione del nuovo aeroporto "Pio La Torre" (nella foto). L´inaugurazione in origine fissata per oggi è slittata al 10 settembre. A questo proposito il commissario straordinario Angelo Moceri ha specificato che «L’impresa impegnata nella realizzazione dell’aeroporto di Comiso ha richiesto una proroga per la conclusione dei lavori inerenti l’aerostazione stessa inizialmente di 180 giorni decorrenti dal 20 aprile scorso.

Di comune accordo con la stazione appaltante, sentita la direzione dei lavori e gli altri uffici competenti che hanno riconosciuto la fondatezza della richiesta, nell’interesse generale, si sono concordati 143 giorni. Pertanto, l’aeroporto sarà completato entro il prossimo 10 settembre.

Tale proroga è comprensiva dei giorni di sospensione maturati in passato, tra i quali quelli riguardanti la cerimonia di intitolazione dell’aeroscalo, avvenuta il 30 aprile dell’anno scorso. Proroga che si è resa necessaria per la persistente interferenza dell’elettrodotto dell’Enel e dell’acquisizione al sedime aeroportuale di un’ulteriore piccola parte di terreno in prossimità della rotatoria di Villa Iacono di proprietà privata. L’una e l’altra cosa sono in avanzata fase di definizione.

Nel contempo sono state già avviate le operazioni di collaudo finalizzate alla certificazione dell’opera stessa nel pieno rispetto della tempistica e compatibilità col programma di finanziamento e regolamento comunitario. Attualmente i lavori procedono in piena normalità».