Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 870
COMISO - 07/09/2013
Attualità - Proposta del comitato tecnico ristretto presentata al ministro delle Infrastrutture

"Magliocco" di interesse nazionale

Il Magliocco si arricchirà dei voli "cargo" e potrà godere di finanziamenti per il miglioramento di opere infrastrutturali come la viabilità Foto Corrierediragusa.it

Ancora è solo una proposta ma è autorevole. E´ quella formulata dal gruppo ristretto di lavoro che è stata presentata al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi. Il "Piano aeroporti nazionale" porta buone novità per il sistema aeroportuale siciliano ed in particolare per il Magliocco di Comiso (nella foto). Il Piano è stato presentato dal presidente Sergio Vetrella della Commissione Infrastrutture e Trasporti della Conferenza nazionale Regioni ed alla presenza del ministro Lupi e dei rappresentanti delle Regioni e del presidente dell´Enac, Vito Riggio.

Il Piano, così come elaborato dalla cabina di regia è stato approvato all´unanimità dalla stessa Conferenza; il ministro ha dichiarato che entro la fine del mese si avrà la stesura definitiva del Piano che sarà presentato ai Ministeri di competenza per la definitiva approvazione. La proposta prevede l’integrazione degli aeroporti di Catania e Comiso e il loro inserimento nella rete principale degli aeroporti di interesse nazionale. Il sistema integrato aeroportuale Catania-Comiso rientrerà dunque nell´ambito delle linee di indirizzo del Piano nazionale degli aeroporti facendo uscire Comiso dall´ambito di aeroporto di secondo livello come è stato fino a questo momento classificato. Nel nuovo piano inoltre Comiso si arricchirà dei voli "cargo" migliorando la sua offerta sul mercato e potrà godere di finanziamenti per il miglioramento di opere infrastrutturali come la viabilità.

Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e l´assessore regionale alle Infrastrutture Bartolotta hanno sostenuto davanti alla commissione tecnica le ragioni del sistema integrato aeroportuale per la Sicilia sud-orientale ed hanno avuto ragione di credere nella loro battaglia. Ma anche Soaco, la società di gestione del Magliocco e la Sac si sono sforzati di far capire che i due aeroporti sono un unicum e si completano a vicenda in un ambito di interesse nazionale.

In una dichiarazione congiunta Enzo Taverniti, Rosario Di Bennardo di Soaco e Gaetano Mancini (Sac) hanno puntualizzato: "Sarebbe oggi incomprensibile immaginare", che il sistema aeroportuale della Sicilia Orientale, che serve già oggi oltre 3,3 milioni di siciliani, non venisse inserito tra i nodi principali (core) della rete nazionale. È sarebbe altresì assurdo che l’aeroporto di Comiso, naturale alternato di Catania e con esso integrato in termini complementari per precisa scelta strategica e industriale, non fosse inserito nella rete degli scali di interesse nazionale. Adesso occorre mantenere alta l’attenzione affinché i prossimi passi proseguano lungo questa direzione, facendo sì che la proposta fin qui formulata venga sostenuta per giungere in tempi brevi alla sua definitiva approvazione".