Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 925
COMISO - 03/04/2008
Attualità - Comiso - Da un minimo di 16 ad un massimo di 20 alunni per classe

Morìa d´iscrizioni al "Verga":
pochi alunni e aule vuote

Gli altri istituti avevano chiesto di potere utilizzare i locali Foto Corrierediragusa.it

Aule vuote alla scuola media Verga. Ma gli alunni dove sono? La crisi di iscrizioni, ha già preso piede da tempo, ma come si sa, dipende dalla diminuzione delle nascite. Ma se così fosse, anche le altre scuole medie di Comiso dovrebbe registrare gli stessi problemi. Invece, non ci si spiega come sia potuto accadere che, già da due anni, è cominciato un lento spopolamento della G. Verga.

Tutto è cominciato, con le richieste di nulla osta di alcuni genitori, che, dopo avere fatto frequentare ai figli il primo anno alla Verga, hanno poi chiesto il trasferimento nell’altra scuola media di Comiso. Quest’anno,come risulta da alcune indiscrezioni dei genitori , la scuola Verga avrà delle classi che oscillano tra i 16 ed i 20 alunni, e l’altra farà il pieno con classi di 25 ,30 alunni. Ci sono stati addirittura dei dirigenti scolastici che alla luce del fatto che la Verga aveva delle aule completamente vuote, avevano fatto richiesta al dirigente scolastico, di poterne usufruire, per allocarvi delle classi dei propri istituti, poiché vi era un esubero di alunni, e penuria di locali.

Ma il dirigente scolastico della Verga, ha preferito utilizzare gli ampi spazi vuoti per trasferivi la stanza della dirigenza, anzichè dare una mano d’aiuto ai colleghi presidi e diminuire i disagi a studenti e docenti. La segnalazione di questi problemi, è pervenuta proprio da un gruppo di genitori che, avendo più di un figlio iscritto nello stesso istituto superiore, devono spesso percorrere il paese da una punta all’altra, per accompagnarli, specialmente nelle giornate di pioggia e maltempo. Per non dire dei docenti che devono scapicollarsi da una scuola all’altra, in meno di 10 minuti, se vogliono cominciare le lezioni in orario.