Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 757
COMISO - 01/04/2008
Attualità - Comiso - Le censurabili condizioni in cui versano gli alloggi popolari

L´Udc si scaglia contro lo Iacp:
Girlando furioso vuole giustizia

Ma l’Istituto autonomo case popolari fa orecchie da mercante Foto Corrierediragusa.it

Diciamo anche questo? In un momento in cui gli argomenti in pole position sono gli ospedali, le infrastrutture, la viabilità, l’occupazione, la legalità, è bene ricordarne un altro che pare sia divenuto già da tempo, lettera morta. Il 16 febbraio 2008, su questa stessa testata giornalistica, fu pubblicato un articolo concernente le case di Comiso, dell IACP ( istituto autonomo case popolari ).

Nella sezione «Comiso», di questo sito, troverete tutti i particolari. Per fare un breve riassunto, nell’articolo si descrivevano tutti i problemi legati agli edifici IACP, che pur essendo stati segnalati da anni, restano ancora insoluti. Ma l’articolo ebbe un seguito. Due giorni dopo, il consigliere comunale di Comiso, Salvo Girlando, rappresentante dell’ UDC, si attivò immediatamente con una nota che divulgò alla stampa, nella quale chiedeva al presidente provinciale dell’ IACP un incontro a breve ed in loco, per effettuare un sopralluogo e verificare la reale natura dei problemi degli alloggi in questione e, ovviamente, risolverli nel più breve tempo possibile.

Senza volere entrare nel merito della percezione individuale del « breve tempo», ad oggi secondo quanto dichiarato da Girlando, non è ancora arrivata alcuna risposta dall’ IACP. Cioè, il presidente, non ha preso in considerazione la richiesta del consigliere comunale.

?E mentre qualcuno cerca di trovare un ritaglio di tempo per fare 18 km e andare negli alloggi popolari di Comiso, i liquami di scarico continuano a tracimare dentro le case, gli scantinati continuano ad allagarsi durante le piogge, i tetti sono un colabrodo, e gli intonaci cadono sulle teste dei residenti che attendono da «tempi brevi» ( 20 anni ).

(La eloquente foto in alto non ha bisogno di commenti sullo stato in cui versano gli alloggi popolari)