Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 242
COMISO - 29/01/2013
Attualità - Nell’atto di indirizzo che definisce gli aeroporti importanti non c’è Comiso

Il Magliocco non è uno scalo di interesse nazionale

Il sindaco Giuseppe Alfano su tutte le furie. «Ho chiesto un incontro con Crocetta per un suo intervento. Un governo dimissionario deve occuparsi di atti ordinari»
Foto CorrierediRagusa.it

Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Corrado Passera (foto) ha emanato, notizia ancora fresca, l´atto di indirizzo per la definizione del Piano nazionale per lo sviluppo aeroportuale che individua gli scali di interesse nazionale ´´che costituiranno l´ossatura strategica su cui fondare lo sviluppo del settore nei prossimi anni´´. L´atto sarà ora inviato alla Conferenza permanente Stato-Regioni per la necessaria intesa e, successivamente, sarà adottato con un apposito decreto dal Presidente della Repubblica.

Tra gli aeroscali elencati e classificati d´interesse nazionale spicca l’assenza di quello di Comiso. Il sindaco Giuseppe Alfano ha pertanto espresso la sua «forte preoccupazione» e annunciato opportune iniziative perché non si ignori l´aeroporto ibleo. «Desta forte preoccupazione –dice Alfano- l´atto di indirizzo emanato dal ministro Passera in merito al cosiddetto processo di riorganizzazione ed efficientamento degli aeroscali italiani. Da quanto è possibile evincere dalle prime brevi note di cronaca on line, l´aeroporto di Comiso non rientrerebbe nell´elenco degli aeroscali ritenuti di interesse nazionale con palese disparità di trattamento nei confronti di altri piccolissimi aeroporti che fino ad oggi hanno solo dimostrato di perdere numeri rilevanti nel sistema aeroportuale nazionale».

Se dopo i primi due anni di attività l’aeroporto di Comiso non viene considerato di interesse nazionale, avrà enormi difficoltà ad andare avanti. «E´ più che chiaro – continua il sindaco Alfano – che si dovrà approfondire il contenuto dell´atto di indirizzo del ministro Passera, ma è altrettanto chiaro che tale direttiva, ignorando Comiso, contraddice il contenuto dello studio commissionato da Enav sul nostro aeroscalo e non può lasciarci tranquilli. Mi auguro che la Regione Siciliana, la quale sarà chiamata al tavolo dell´apposita Conferenza Stato-Regioni, discuta la direttiva stessa, assuma una posizione chiara e forte a favore dell´aeroporto di Comiso dove, peraltro, ha investito ingenti risorse economiche. Ho già chiesto un incontro urgente col presidente Crocetta, presenti i deputati regionali iblei, perché non si consenta a un Governo dimissionario, che dovrebbe occuparsi solo di ordinaria amministrazione, di emanare atti d´importanza strategica che danneggiano la Sicilia e, nello specifico, il territorio Sud-orientale dell´Isola».


non se´ ne´ puo´ propio piu´
31/01/2013 | 12.35.00
giuseppe

CARI AMICI E LETTORI DEL CORRIERE DI RAGUSA IO SONO UN CITTADINO COME TUTTI VOI NON APPARTENGO A NESSUN GRUPPO POLITICO.COME CITTADINO ITALIANO E SICILIANO SOPRATUTTO;
MI CHIEDO SE ANCORA DOBBIAMO SOPPORTARE QUESTI FANTOMATICI POLITICI CHE´ CI PRENDONO PER IL ......SPUDORATAMENTE SENZA ALCUN RITEGNO.
MI CHIDEVO COME MAI NON CI MUOVIAMO NOI COME CITTADINI UNITI TUTTI SENZA ALCUN COLORE POLITICO MA? SOLO ED ESCUSIVAMENTE PER FAR SENTIRE E VEDERE CHE´ INNANZITUTTO CI SIAMO NOI CITTADINI, SE NON FACCIAMO COSI´ PENSO CHE CONTINUERANNO A PRENDERCI PER IL ..... ANCORA.
SARA´PER ACCLAMAZIONE DEL POPOLO CHE´ DOVRANNO APRIRE L´AEREOPORTO. GIUSEPPE


smetttiamola!
30/01/2013 | 10.30.24
gd4

quello che nessuno dice a proposito di Comiso, che invece andrebbe detto forte e chiaro, è che non ci si deve dimenticare che la Sicilia è un´isola, per di più ormai abbandonata dalle ferrovie! se è vero che ci debba essere un limite agli aeroporti per ogni regione, questo però non può valere per Sicilia e Sardegna che, in quanto isole, necessitano di essere agevolate al massimo nei trasporti. Perciò la smettano con questa politica assurda: se nella sicilia occidentale ci sono due aeroporti che funzionano benissimo, non vedo perchè la sicilia orientale debba tutta ammassarsi nell´unico aeroporto di Catania!


Siamo alle solite
30/01/2013 | 7.33.49
Salvo

Solo x i voti ci cercano, poi siamo feccia x i politici