Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 543
COMISO - 05/12/2012
Attualità - Il sindaco scioglie dubbi su domande che l’opinione pubblica si pone da qualche mese

Alfano: "Mi ricandido e apro aeroporto Comiso"

Il primo cittadino non ha tuttavia escluso che potrebbe esserci un altro candidato nel centro destra Foto Corrierediragusa.it

Il primo cittadino di Comiso Giuseppe Alfano (foto), scioglie dubbi su due domande che l’opinione pubblica si pone da qualche mese. Il primo nodo che ha sciolto con dichiarazioni ufficiali, è stato quello della sua candidatura. «Mi ricandido perché un sindaco che ci ha messo la faccia, gestendo un comune che purtroppo, ha dichiarato il dissesto per debiti ereditati, è giusto che venga giudicato dai propri cittadini. Bisogna che la gente valuti non solo ciò che è stato fatto, ma in che situazioni è stato fatto.

E le situazioni non sono certo quelle di una volta. Anche gli errori del passato ci hanno insegnato qualcosa. Parlo del sindaco di Comiso che governò dal 1994 al 1998. Allora fu fatto un errore che fu quello di non farlo sottoporre al giudizio della città. Oggi abbiamo imparato e quindi non rifaremo lo stesso sbaglio». Il riferimento di Alfano, era chiaramente rivolto all’ex sindaco Pasquale Puglisi. Alfano non ha escluso che potrebbe esserci un altro candidato nel centro destra, anche alla luce delle ben note vicende romane che portano nella direzione di una divisione tra la vecchia An, e il resto del Pdl che forse, potrebbe non chiamarsi più cosi.

«Mi auguro che il Pdl locale, trovi convergenza sula mia ricandidatura, ma se così non fosse, affronterò lo stesso la competizione elettorale da sindaco uscente». Altro nodo che in queste settimane sta facendo discutere l’opinione pubblica, e non solo quella locale, è l’imminente apertura dell’aeroporto che, dalle notizie di questi giorni, così imminente non sembrerebbe. « L’aeroporto aprirà a Pasqua con i primi voli – ha detto con convinzione Alfano – perché è praticamente tutto pronto.»

Sulla questione del rifacimento della caserma dei vigili del fuoco che sembra essere l’opera più grossa da realizzare, il sindaco ha spiegato : « E’ probabile che quella attuale rimanga per sempre, a meno che il Magliocco non diventi l’hub più grosso del Mediterraneo e necessita di un numero di gran lunga superiore di vigili del fuoco, ma attualmente bisogna fare solo qualche piccola miglioria che costerà non più di 80 mila euro. Si tratta in pratica di fare dei lavori interni con pareti di carton gesso, per creare un piccolo spazio da adibire anche a cucina.

Noi comunque stiamo provvedendo a realizzare il progetto di quella nuova, perché questo ci compete. Inoltre – ha spiegato Alfano, stiamo provvedendo con delibera di giunta, a fare dei bandi pubblici e trasparenti, per dare in concessione gli immobili interni all’aerostazione perché se restassero chiusi, arrecheremmo un reale danno all’erario. Penso che ci saranno imprenditori ed investitori che vogliono utilizzare gli immobili, per creare centri di qualunque tipo, da quelli commerciali ad altro, creando così economia e posti di lavoro». Il sindaco Alfano, non ha voluto per il momento esprimere alcuna opinione su quanto accaduto e sta accadendo all’interno della Sac, ma ha auspicato che il cda attuale, si muova celermente.


Aeroporto
06/12/2012 | 15.15.02
renzo battaglia

Il sig. Alfano ha un grande pregio...è riuscito a rendere ancor più famosa la splendida città di Comiso non solo per la questione "aeroporto", ma soprattutto perchè all´interno dell´aeroporto lui e i suoi "amici" scorazzavano con la macchinine. Speriamo che i comisani si ricordino anche di questo....e poi mi chiedo in continuazione...ma con quale faccia!!!


UN ALTRO
05/12/2012 | 18.04.29
attila

Un altro ´sperto´ che racconta la bufala dell´aeroporto. Ma quanto deve durare ancora? La volete smettere o no, ché ormai non ci credono nemmeno... i bufali!