Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 834
COMISO - 28/09/2007
Attualità - Comiso - Nell’ex Arena Sicilia, vicino al Castello Aragonese

Al via i lavori per realizzare
il parcheggio a due piani

E’ stato il sindaco Digiacomo a vibrare il primo colpo di piccone Foto Corrierediragusa.it

Hanno avuto inizio questa mattina i lavori per la realizzazione del parcheggio presso l’ex Arena Sicilia, vicino al Castello Aragonese. A dare la prima "picconata" è stato il sindaco Pippo Digiacomo (al centro nella foto) alla presenza della Giunta Municipale e dei responsabili tecnici che seguiranno l’attuazione del progetto.

L’opera, finanziata con i fondi della ex legge Tognoli e in parte dalla Regione Siciliana, è stata appaltata nell’aprile scorso per un importo complessivo di poco superiore ai 430 mila euro di cui otto mila relativi agli oneri di sicurezza. A realizzarla sarà una ditta di Agrigento vincitrice. A lavori terminati, si avrà un parcheggio a due piani (grazie allo sfruttamento del dislivello presente in zona) per un totale di sessanta posti macchina e una ventina per mezzi a due ruote.

«Si tratta di un intervento ? spiega il sindaco Digiacomo ? che sarà effettuato in piena armonia con il contesto urbano e architettonico; il suo impatto ambientale quindi sarà minimizzato il più possibile. Grazie alla sua realizzazione, potremo ampliare ulteriormente i posti macchina disponibili nel centro storico ma non solo; la parte superiore del parcheggio, infatti, potrà essere utilizzata anche per manifestazioni pubbliche".

Aggiunge l’assessore alle Politiche del Territorio Gigi Bellassai: «Prosegue l’impegno dell’Amministrazione Comunale nel realizzare il piano parcheggi. Prima piazza Aurelio Saffi ora l’ex Arena Sicilia, progetti realizzati con fondi della ex legge Tognoli».