Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 588
COMISO - 12/09/2012
Attualità - Anno scolastico nuovo, problemi vecchi

Com´è difficile essere studente pendolare a Comiso!

Nota congiunta dell’assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura del Comune di Comiso, Maria Rita Schembari, e dell’assessore alle Politiche sociali e della Famiglia del Comune di Vittoria, Giovanni Caruano

Non è ancora cominciato l’anno scolastico, e già si parla di disagi per gli studenti pendolari. In una nota del 14 agosto, la direzione dell’Azienda Siciliana Trasporti, concessionaria della tratta Vittoria-Comiso-Modica, ha comunicato «di non poter assicurare il trasporto degli studenti sulla tratta Vittoria-Comiso-Modica per l’anno scolastico 2012-2013».

Dopo una serie di interlocuzioni telefoniche, giorno 7 settembre il responsabile dell’Ast della sede periferica di Modica ha incontrato presso il Comune di Comiso tecnici e politici dei due comuni interessati ( Comiso e Vittoria), ribadendo definitivamente l’indisponibilità dell’Ast a garantire il servizio scolastico a causa dei tagli operati dal Governo Regionale nei confronti dell’Azienda, che vanta tra l’altro crediti milionari da parte della stessa Istituzione palermitana.

Sul tema, l´assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura del Comune di Comiso, Maria Rita Schembari, e l´assessore alle Politiche sociali e della Famiglia del Comune di Vittoria, Giovanni Caruano, in una nota congiunta dichiarano: «Anno scolastico nuovo, problemi vecchi, anzi, se è possibile, ancora più gravi! A fare le spese di una gestione a dir poco fallimentare della Regione Sicilia nell’ultimo quadriennio sono gli studenti pendolari degli istituti superiori dell’intero territorio, e, per quel che ci riguarda, quelli dei Comuni di Comiso e Vittoria che frequentano l’Istituto Musicale e quello Alberghiero di Modica.

Vero è che anche i Comuni fanno registrare ritardi nei pagamenti delle fatture relative al servizio di trasporto scolastico degli alunni pendolari, ma, ancora una volta, l’amministrazione periferica paga lo scotto dei ritardi cronici e dei tagli indiscriminati operati da Palermo - si è passati in pochi anni da una copertura totale per questa spesa, che veniva fino a qualche tempo fa interamente rimborsata alle casse dei singoli Comuni, al rimborso solo parziale, intorno al 40% della spesa totale, peraltro anche questo artatamente ritardato di anni -.

Completamente abbandonati a sé stessi da parte del governo palermitano, gli uffici interessati dei due Comuni si sono immediatamente attivati e sono allo studio soluzioni alternative per cercare di fornire ai giovani studenti pendolari, in totale circa 200, un mezzo che assicuri loro per l’imminente anno scolastico di poter raggiungere le rispettive sedi scolastiche. Ancora una volta la provincia di Ragusa registra l’indifferenza di chi dovrebbe garantire all’intero territorio regionale pari cura ed identica attenzione».