Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 573
COMISO - 10/03/2008
Attualità - Comiso - I paventati tagli non piacciono al candidato sindaco

Comiso: Alfano sul futuro dell´ospedale

"E’ un problema col quale faccio i conti da un decennio" Foto Corrierediragusa.it

Giuseppe Alfano, candidato per il Pdl a Comiso, interviene sulla vicenda del trasferimento di due reparti del Regina Margherita da Comiso A Vittoria. Nei giorni scorsi, si è profilata l’ipotesi di uno smantellamento del reparto di maternità ed ostetricia e ginecologia che dovrebbero essere invece trasferiti a Vittoria dove il congestionamento è già ai livelli di guardia. Su questo problema, erano intervenuti gli altri due candidati di Comiso, Antonello Digiacomo, e Gigi Bellassai che avevano convenuto sulla necessità di fare quadrato, senza demarcazioni politiche, per evitare che una struttura come il nosocomio comisano, venisse lentamente smantellata.

Ieri è intervenuto Alfano, dichiarando che questo problema, lui lo affronta già da dieci anni, e che la sua lotta fatta di poche parole e molte iniziative, non può certo essere riassunta in un punto programmatico, in prossimità delle elezioni amministrative.

Alfano ha poi continuato affermando che il problema non è di sapere se un bambino nascerà a Comiso o a Vittoria, quanto invece quello di sapere che prima e dopo, quel bambino riceverà l’assistenza adeguata e qualificata. Secondo il candidato del PDL, quello che si dovrebbe veramente fare, senza demarcazioni politiche e spirito campanilistico, sarebbe la riorganizzazione di tutta la zona ipparina per quanto riguarda appunto le strutture ospedaliere, razionalizzandole , ed individuando quali reparti possono essere accorpati per evitare di creare doppioni a pochi chilometri di distanza. In ultimo ha concluso che è fondamentale mantenere a Comiso il pronto soccorso che, deve essere potenziato, funzionante 24 ore su 24.