Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 312
COMISO - 04/09/2012
Attualità - Ma l’aeroscalo casmeneo aprirà mai? Con questi chiari di luna...

Aeroporto: Ue vuole indietro i soldi. Indaga Corte dei conti

C’è da scommettere che per l’operatività della struttura ci vorranno anni

Un solo volo, quello inaugurale del 2007 con Massimo D’Alema, presidente del Consiglio dell’epoca. Da quel giorno, l’asfalto della pista dell’aeroporto di Comiso ha ospitato solo le corse clandestine delle Ferrari. Nessun aereo, ma tante promesse e speranze, puntualmente disilluse. E così, lo scalo ragusano che potrebbe essere il volano per l’economia del comprensorio, non decolla. Rimane desolatamente e colpevolmente chiuso. Adesso, dopo il danno sta anche per arrivare la beffa.

L’Ue europea si prepara, come rivela «La Stampa», a chiedere la restituzione di 20 milioni di euro di fondi strutturali erogati per la costruzione dello scalo ragusano. Bruxelles è stata chiara: se l’aeroporto non apre entro quest’anno dovete restituire i soldi. L’Ue eroga i fondi (circa il 50%) per opere di interesse pubblico sulla base di piani precisi. Il progetto viene poi monitorato da Bruxelles. E’ ovvio che se non viene realizzato o il denaro sono utilizzati in modo non regolare, cioè diversamente da quanto pattuito, Bruxelles ha diritto a chiedere allo Stato membro di restituire i quattrini.

Come è noto, a Comiso non si vola perché manca l’accordo tra l’Enac, l’ente di vigilanza per l’aviazione civile, e l’Enav la società che fornisce il servizio di controllo del traffico aereo. E così la pista non è ancora certificata. Oltretutto, il nuovo piano del ministro Passera, che stabilisce quali sono gli aeroporti strategici non comprende lo scalo ibleo, che per sopravvivere dovrà fare affidamento sui propri ricavi oppure rivolgersi agli enti locali.

Per l’Ue ci sono dunque tutti i requisire per chiedere indietro i quattrini. Per l’Italia e, in particolare la Sicilia, sarebbe l’ennesimo schiaffo dovuto alla cattiva gestione dei fondi regionali. Blogsicilia.it

E INTANTO LA CORTE DEI CONTI INDAGA
La corte dei conti in Sicilia ha aperto un´indagine per verificare la legittimità e l´opportunità delle consulenze affidate dalle Regione. I magistrati contabili stanno passando al setaccio tutti gli incarichi assegnati dal governo guidato da Raffaele Lombardo dal 2008 ad oggi. La spesa maturata nei primi mesi di quest´anno, sommata ai soldi già spesi porta il budget complessivo in questa legislatura impegnato dalla Regione in consulenze a più di 9 milioni di euro. Soldi utilizzati per pagare circa 800 esperti che hanno lavorato negli assessorati.

Da qualche giorno gli assessori e i dirigenti dei dipartimenti sono stati invitati dalla procura della Corte dei Conti a fornire i documenti sull´attività svolta dai consulenti. I tecnici della Regione spiegano che "le consulenze sono previste sia da leggi statali che da norme in vigore in Sicilia. E il budget destinato a questi incarichi è stanziato annualmente nel bilancio".

Nei primi due anni della legislatura erano stati spesi oltre 5 milioni e mezzo di euro. Altri due milioni sono stati spesi nel 2010 e 900 mila euro nel 2011. Le cifre più consistenti sono state impiegate per i consulenti che si occupano degli interventi di ricostruzione nelle zone del Messinese colpite dall´alluvione nel 2009.


non ne vale neanche la pena parlarne
04/09/2012 | 13.54.08
Maycol

NON NE VALE NEANCHE LA PENA PARLARNE , PERCHE´ SI E´ FATTO TANTO CHIASSO E NULLA DI CONCRETO . QUESTO CI FA CAPIRE CHE NELLA PROVINCIA DI RAGUSA ABBIAMO POLITICI E UNA POLITICA ZERO CHE MIRA SOLO ALL´AUTOINTERESSE DEL POLITICO - VOLETE CHE SI APRE L´AEROPORTO ? ADESSO E´ IL MOMENTO FAVOREVOLE - NESSUN O CIOE´ NESSUNO DI TUTTA LA PROVINCIA DI RAGUSA E PAESI LIMITROFI ANCHE FUORI PROVINCIA - DICO NESSUNO SI RECHI A VOTARE - MA DEVE ESSERE UNANIME MASSICCIA PROTESTA SILENZIOSA - AVVISANDO LA STAMPA E LE TV CHE TUTTI NON SI RECHINO A VOTARE - POI IN REALTA´ VOTARE CHI ? SOLO PERSONE CHE DIFENDONO E FANNO SOLO I LORO INTERESSI E NON QUELLI DELLA COLLETTIVITA´ O COMUNITA´ IBLEA -NON VOTATE NESSUNO E VEDRETE COME SI APRE L´AEROPORTO TANTO LE ABBIAMO PROVATO E TENTATO TUTTE - ADESSO SI PROVA A NON VOTARE NE ORA NE A MAGGIO E POI INSIEME VEDREMO IL RISULTATO