Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1081
COMISO - 14/08/2012
Attualità - Il fisico dell’esponente Mpa non ha retto al digiuno

Aeroporto: sciopero della fame sospeso da Cirnigliaro

La presenza del presidente della Regione e di tutto lo stato maggiore Mpa in provincia domenica scorsa aveva alleviato il sacrificio, ma non è bastato
Foto CorrierediRagusa.it

Giovanni Cirnigliaro (nella foto) ha sospeso lo sciopero della fame. Il fisico dell´esponente Mpa non ha retto al digiuno e dopo cinque giorni Cirnigliaro ha mollato, su ordine dei medici, dopo il ricovero in ospedale.

Raffaele Lombardo, accompagnato dallo stato maggiore di Mpa, oggi Partito dei siciliani, domenica aveva fatto visita a Cirnigliaro, rivendicando l’azione del governo regionale che ha garantito per due anni l’operatività dello scalo mettendo a disposizione quasi cinque milioni di euro. Lombardo aveva anche sottolineato, visitando lo scalo, come esso sia dotato di una pista molto più lunga e idonea all’atterraggio di aereomobili che diversamente Catania non riesce a supportare.

La stessa pista è dotata tra l’altro di un sistema automatico di atterraggio che in caso di nebbia si attiva. Anche il numero di passeggeri previsto, supera di gran lunga il traffico di tanti altri «aereoportini» nazionali, eppure Comiso rimane ancora chiuso. Aveva detto il presidente della Regione: «Tutti ci chiediamo il perché Comiso resta chiuso. Forse per giochi politici di alto livello, forse per fattori economici, forse per dinamiche internazionali a noi sconosciuti, le ipotesi sono tante ma la certezza è una sola: l’aeroporto di Comiso, pronto in tutto e per tutto è ancora chiuso».


SVEGLIATEVI
14/08/2012 | 17.13.59
EMIGRATO

Via i MAFIOSI I PANZONI I CORROTTI dalle grandi opere DELLA PROVINCIA DI RAGUSA

AEREOPORTO
AGRICOLTURA
ENERGIE RINNOVABILI A REGIME
TURISMO
COLLEGAMENTI
RISTRUTTURAZIONE E PULIZIA DELLA RETE STRADALE
PREZZI DEI CARBURANTI AL DI SOTTO DELLA MEDIA NAZIONALE
STOP ALL´IMMIGRAZIONE IRREGOLARE
CONTROLLI PIU´ SERRATI E LOTTA ALL´EVASIONE PERCHE´ CHI HA FATTO INDEBITAMENTE CONTINUA IL SUO CORSO E GRAVA SU DI TE
SVEGLIATEVI IL TURISMO NON DEVE SCAPPARE DA VOI MA DEVE TORNARE PIU´ NUMEROSO LE CASE SI VENDONO E SI AFFITTANO A PREZZO GIUSTO
IMPARATE DALL´EMILIA ROMAGNA


La sicilia deve iniziare a riemergere da sola e subito.
13/08/2012 | 11.33.05
Fabrizio

La provincia di Trapani e quelle vicine ad essa, stanno vivendo un periodo di grande crescita turistica ed economica grazie all’iperattività dell’Aeroporto di Birgi. L’on. Lombardo poteva evitarsi questa «accalorata» visita all’aeroporto di Comiso e a chi sta protestando in maniera poco efficace e casalinga. Lombardo conosce perfettamente quanto di losco e torbido gravita attorno all’aeroporto. Allora è opportuno che gli abitanti della provincia di Ragusa e quelli dei territori limitrofi iniziassero a dire basta alla politica clientelare che ha azzerato economicamente e culturalmente la nostra Sicilia. Iniziamo a dettare noi le condizioni ai politici «Prima vedere cammelli, poi pagare». Non votiamo i candidati alle elezioni regionali se non prima vediamo mettere in atto le condizioni per risollevare la Sicilia (autostrade e aeroporto compreso). Basta le promesse di aria fritta da destinare ai nostri figli! basta, l’acqua è ormai un metro sopra la gola. Diffidiamo dalle promesse e chiediamo subito i fatti.


La sicilia deve iniziare a riemergere da sola e subito.
13/08/2012 | 11.32.47
Fabrizio

La provincia di Trapani e quelle vicine ad essa, stanno vivendo un periodo di grande crescita turistica ed economica grazie all’iperattività dell’Aeroporto di Birgi. L’on. Lombardo poteva evitarsi questa «accalorata» visita all’aeroporto di Comiso e a chi sta protestando in maniera poco efficace e casalinga. Lombardo conosce perfettamente quanto di losco e torbido gravita attorno all’aeroporto. Allora è opportuno che gli abitanti della provincia di Ragusa e quelli dei territori limitrofi iniziassero a dire basta alla politica clientelare che ha azzerato economicamente e culturalmente la nostra Sicilia. Iniziamo a dettare noi le condizioni ai politici «Prima vedere cammelli, poi pagare». Non votiamo i candidati alle elezioni regionali se non prima vediamo mettere in atto le condizioni per risollevare la Sicilia (autostrade e aeroporto compreso). Basta le promesse di aria fritta da destinare ai nostri figli! basta, l’acqua è ormai un metro sopra la gola. Diffidiamo dalle promesse e chiediamo subito i fatti.