Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 756
COMISO - 28/02/2008
Attualità - Comiso - Il progetto "Scuolaeducando" alla media "Pirandello"

Sensibilizzare gli studenti
sui rischi della droga

L’assessore Latino: "I pericoli sono mutevoli" Foto Corrierediragusa.it

«Droga un pericolo sociale» è il tema di un incontro tenutosi nella scuola media «Pirandello» nell’ambito del progetto «Scuolaeducando» promosso dall’Amministrazione comunale per affrontare il problema delle tossicodipendenze. Sono intervenuti l’assessore alle Politiche sociali, Ivana Latino (nella foto) la pedagogista Francesca Buscema, la psicologa Emiliana Libero, l’avvocato Emiliana Alì, il coordinatore del progetto, Marino Ambrosi, responsabile regionale, altresì, della Comunità Incontro.

E’ stata l’occasione per fornire ai giovani una corretta informazione sui pericoli e i danni causati dall’uso di sostanze stupefacenti. Scopo dell’incontro è aprire, nel dialogo con gli studenti, uno spazio di riflessione seria e profonda sulle problematiche che più interessano i ragazzi e fornire risposte che possano toccare la sensibilità e la coscienza di chi si sta, nel periodo scolastico, orientando per il suo futuro.

«Il fenomeno della diffusione delle droghe ? ha sottolineato l’assessore alle Politiche sociali, Ivana Latino ? presenta caratteristiche di forte mutabilità e non risulta opportuno proporre generalizzazioni. Le iniziative sono dirette a coinvolgere studenti, famiglie e docenti in programmi interattivi di prevenzione del consumo di droghe, promuovendo una politica di educazione alla vita, alla gioia di vivere e alla qualità delle relazioni. Non ci saranno conferenze, ma incontri con i ragazzi al fine di ascoltare le loro domande, i loro dubbi, le loro richieste di aiuto.»

Il progetto «Scuolaeducando», al suo secondo anno di attività, dopo aver incontrato tutte le terze medie di Comiso e Pedalino, si dedica alle prime classi delle scuole medie superiori per poi orientarsi su incontri specifici e mirati sulla base delle richieste ed esigenze degli istituti scolastici.