Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1096
COMISO - 31/05/2012
Attualità - Al 5° Concorso musicale nazionale «Città di Campagnano» di Roma

Premiato Polifonico flauti dritti della «Pirandello» Comiso

Cinquanta alunni, accompagnati dai professori Musso e Mangione, hanno eseguito brani classici arrangiati dal prof. Musso. La dirigente della scuola Costanzo: «Il nostro gruppo rappresenta un’istituzionale ventennale nella nostra scuola» Foto Corrierediragusa.it

Ancora un successo per il gruppo polifonico di flauti dolci (foto) della Scuola statale di istruzione secondaria di 1° grado «L. Pirandello» di Comiso. L’ensemble, preparato e diretto dal prof. Antonio Musso, attraverso un percorso progettuale formativo, che ha visto impegnati e motivati più di 50 alunni durante le ore pomeridiane, ha partecipato al 5° Concorso musicale nazionale «Città di Campagnano» di Roma, svoltosi nella prima decade di maggio, eseguendo dei brani che lo stesso insegnante aveva arrangiato: Sinfonia di Telemann, Ave Maria di Caccini e Pizzicato polka di J. Strauss.

Ad accompagnare il gruppo durante il viaggio, oltre al professore Musso, c’era pure la professoressa Mangione. Al concorso hanno partecipato oltre 450 alunni provenienti da realtà scolastiche di ogni parte d’Italia: la manifestazione, che è durata diversi giorni, è stata occasione significativa per promuovere il confronto, la conoscenza e l’integrazione tra ragazzi e docenti.

«Il nostro «gruppo»- sottolinea il dirigente scolastico, professoressa Rosaria Costanzo, giunto al 19° anno di vita, rappresenta un’istituzione nella nostra scuola e sono sempre di più gli alunni che ne vogliono far parte. Esso non è nuovo a questo genere di imprese, infatti tutti gli anni i ragazzi che frequentano il percorso progettuale, vivono con entusiasmo questa esperienza condividendo il piacere di far musica insieme per scoprire e valorizzare le propri attitudini, anche in vista di una scelta futura e non ultimo, per partecipare con serietà e disciplina a manifestazioni del genere rientrando in sede sempre premiati. Il complesso è formato da alunni di 1°, 2° e 3°classe, che suonano tutti gli strumenti che costituiscono la famiglia dei flauti dritti, dal sopranino al grande basso, anzi è opportuno dire che è uno dei pochi complessi in Italia ad avere la presenza dei grandi bassi»