Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1120
COMISO - 21/02/2008
Attualità - Comiso - Nella zona Pip è buio pesto

Comiso: i pali ci sono, la luce no

Nonostante il comune abbia versato ben 400mila euro all’Enel Foto Corrierediragusa.it

Enel ? Buio pesto. Già da tempo è possibile vedere nella zona Pip di Comiso (piano insediamento produttivo ), destinato agli opifici delle piccole medie imprese, tutte le strutture atte all’illuminazione. Non solo. Ancora più evidenti tali strutture da quando è stato consegnato il centro multi servizi, sito proprio all’interno dell’area.

All’inizio si era pensato ad una «comparsa di facciata» di questi enormi pali dell’illuminazione, una cosa insomma messa lì, tanto per dare l’idea. Invece la storia è un’altra. Il comune di Comiso, ha già versato da tempo alla società elettrica, ben 400mila euro, per l’attivazione dell’illuminazione, ossia per fare un semplice allaccio alla cabina elettrica. Talmente semplice, da potere essere rimandato sine die.

Tanto, che ci vuole ad allacciare un filo? Intanto, dal mancato allaccio, scaturiscono evidenti disagi, poiché tutta la zona, già alquanto cantierata da opifici in costruzione, e molto battuta grazie alle strutture artigianali già operative, è completamente al buio, soprattutto cominciando dal tardo pomeriggio, quando non è più possibile avere molta visibilità tra le molteplici strade che si intersecano nel Pip. Si tratterà sicuramente di una piccola dimenticanza dell’ Enel, alla quale rimedierà in tempi molto celeri: altri 4 mesi.