Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:22 - Lettori online 1416
COMISO - 02/04/2012
Attualità - Le donne Pd: «Complimenti a chi ha dato l’autorizzazione»!

Strisce blu a pagamento nell’alveo del torrente Cucca

A Comiso, finalmente, dopo decine di vittime falcidiate in quella strada a causa del torrente, grazie a un vero e proprio fenomeno soprannaturale, ormai si può parcheggiare senza rischi, anche se a pagamento
Foto CorrierediRagusa.it

Le strisce blu a pagamento spuntano anche nell’alveo del torrente Cucca. Le donne Pd: «Complimenti a chi ha dato l’autorizzazione»! Secondo la portavoce del gruppo donne Pd, Giusy Brullo, l’anno scorso nella centralissima via Papa Giovanni XXIII, purtroppo anche alveo naturale del torrente Cucca che non poche vittime ha mietuto in tanti anni a causa della piena dirompente che si forma a ogni minimo fenomeno piovoso, sono state allocate delle transenne antiestetiche e pericolose, per evitare il «rischio» cui le macchine parcheggiate sarebbero andate incontro in caso di piena.

Il fine nobile, comunque, aveva giustificato l’antiesteticità, ma molto meno il pericolo di trascinamento delle transenne stesse (foto). «A distanza di un anno – commenta Brullo - al posto delle transenne, sono spuntate le strisce blu! Questo vuol dire, quindi, che la via Papa Giovanni XXIII non è più pericolosa. Non è più l’alveo del torrente Cucca e non c’è più alcun pericolo di piene in caso di piogge.

Un miracolo insomma! A Comiso, finalmente, dopo decine di vittime falcidiate in quella strada a causa del torrente, grazie a un vero e proprio fenomeno soprannaturale, ormai si può parcheggiare senza rischi, anche se a pagamento. Quindi: non solo le macchine sono a rischio se parcheggiate lì, ma bisogna pure pagare per provare l’ebbrezza del rischio. Approfittiamo dunque dell’occasione per invitare l’assessore alla viabilità a rimuovere immediatamente le strisce blu da quella strada, mettendola definitivamente in sicurezza, e a essere coerente. La coerenza è importante perché senza coerenza, si perde credibilità».

Nella foto sotto, le contestate strisce blu


risarcimento danni
02/04/2012 | 14.48.50
felix

...e per giunta il comune deve ancora risarcire un congruo indennizzo alla famiglia dell´ultima vittima della piena, proprio in via Papa Giovanni....poi quando succedono le disgrazie, cerchiamo i responsabili....ma basta....torniamo a votare e anche subito.


L´ODORE
02/04/2012 | 7.53.45
condor

l´odore del denaro toglie ogni dubbio di pericolo, non cè transenna che tiene o meglio fiume che tenga . la stessa cosa vale x le case fabbricate proprio nel letto dei fiumi , l´importante che si percepiscono soldi senza controllare i danni che si possano verificare, e poi si cercano i colpevoli. tutti un pugno di buffoni , basta trovare la CHIAVE GIUSTA E TUTTO VA BENE. MA NON SI POTREBBE TORNARE AL VERGOGNOSO BARATTO VISTO CHE IL DIO DENARO MANCA E QUALCUNO CI SPECULA SOPRA??????????????????