Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 853
COMISO - 24/01/2012
Attualità - Interrogazione del consigliere Fianchino

Il "mistero" della carta di credito del comune di Comiso

Scoppia un’altra polemica sulla presunta esistenza di una carta di credito di proprietà dell’ente

Scoppia un’altra polemica sulla presunta esistenza di una carta di credito di proprietà del comune di Comiso. La scintilla l’ha fatta scoppiare il sindaco Alfano durante la sua dettagliata relazione sui numeri del dissesto nella seduta consiliare del 20 gennaio. Il primo cittadino ha dichiarato che l’ex sindaco, Pippo Digiacomo, ha fatto un uso improprio di una «carta di credito» del Comune, affermando testualmente «Così, poi, Pantalone paga»! Per cui, a soli tre giorni di distanza, è arrivata un’interrogazione da parte del consigliere Pd Fabio Fianchino che ha chiesto specificatamente a quale carta di credito si riferiva il sindaco Alfano durante il suo intervento effettuato nel Consiglio comunale tenutosi il 20.01.2012 e se dal 1998 ad oggi nel Comune di Comiso è stata emessa una carta di credito per fare fronte alle spese relative alle missioni degli amministratori e, in tal caso, qual è il suo numero e quali sono le spese addebitate sulla stessa, suddivisi per anno.

Se in questi quattro anni il clima in città non è stato tra i più sereni soprattutto tra maggioranza ed opposizione, adesso comincia a diventare incandescente. Si respira già aria di campagna elettorale e se così fosse, si presume che la città assisterà a mesi di botte e risposte senza precedenti. Accanto all’interrogazione di Fianchino, una nota del GruppodonnePd di Comiso dove si legge: «Noi non chiediamo che Alfano si dimetta, perché pensiamo che sarebbe dignitoso e apprezzabile e perfino logico che a questa decisione ci arrivasse da solo. Che prendesse atto da solo che la sua è ormai una strada senza sbocco. Che sarebbe veramente coraggioso e ammirevole da parte sua riconoscere di non essere stato, sin dall’inizio, il sindaco che la città si aspettava e che aveva creduto che fosse».


Notizie incredibili..
29/01/2012 | 14.51.17
Davide Nicaso

E´ possibile che non si possa sapere quante carte di credito siano a disposizione di un comune? Io dico di no!
Possibile che il Comune non disponga di un documento Excel (o formato analogo) dove siano registrate tutte le operazioni (dare e avere) di tutti i conti correnti comunali e di tutte le carte di credito/debito collegate ai conti correnti? Io dico di no!
Possibile che non si possa rispondere in pochi istanti alla domanda "il 15 aprile 2008 quali pagamenti sono stati effettuati con la carta di credito ****7890"? Io dico di no!
Se ad almeno una delle tre domande in municipio rispondono SI sarebbe ora di cominciare a licenziare qualcuno. E´ ora di finirla di perdersi su cose così banali, che sono il minimo che deve svolgere un´amministrazione. Altrimenti cosa amministra!?


Chi può
24/01/2012 | 21.17.17
manuel

Chi po futtiri e non futta si nni penti...


24/01/2012 | 16.06.53
exsx

Di questo passo non se ne esce più...."Ciccu tocchimi,Mamma Ciccu mi tocca"