Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 494
COMISO - 07/12/2011
Attualità - Piove sul bagnato delle finanze comunali

Dal 10 gennaio «senzatetto» i dipendenti dei Servizi sociali

Lo sfratto arriva per il mancato pagamento di due anni di arretrati. L’assessore Turi Schirmo: «Siamo alla ricerca di nuovi locali»
Foto CorrierediRagusa.it

Ironia della sorte, proprio il settore comunale che si occupa delle fasce deboli, dei tossico dipendenti e di famiglie disagiate, si ritroverà a farsi i conti con la ricerca di un nuovo alloggio perché è arrivato lo sfratto. L’assessore ai servizi sociali Turi Schirmo (nella foto), ha confermato che dei nuovi locali si stanno ricercando all’interno del municipio.

Fino ad oggi gli uffici dei servizi sociali sono stati allocati in via dei Larici 6/a, ma da gennaio non si sa ancora dove saranno ospitati. Sicuramente sarà improponibile un altro sito in affitto, anche perché il settore ha diversi servizi, molti dipendenti e quindi ha bisogno di locali ampi.


Mancano alloggi liberi?
18/12/2011 | 14.52.44
Davide Nicaso

E´ sufficiente che andiate all´aeroporto dove c´è l´imbarazzo della scelta.
Si eviterà che altri vandali vadano a distruggere quel poco di buono che è rimasto (e vi assicuro che di buono ce n´è ancora tanto!) e si darà un tetto a chi non ce l´ha più.
I servizi sociali si meritano un´intera palazzina in comodato d´uso.
E´ una VERGOGNA che il comune di Comiso si chieda dove ricercare nuovi immobili quando ne ha a centinaia che potrebbero essere utilizzati (anche temporaneamente) per chi ne ha bisogno. E non ditemi che sono inutilizzabili perché c´è persino la luce (chissà chi la paga..), basta solamente un po´ di buona volontà di dare una pulita e una rassettata generale e sono meglio di molte altre soluzioni in via di ricerca.

Chiunque sia l´ente proprietario di questi immobili, il Comune dovrebbe attivarsi per poterli assegnare a titolo gratuito in comodato d´uso.

Se non vi assegnano questi immobili andate a occuparli, vediamo con quale coraggio vi manderanno via..