Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1237
COMISO - 23/11/2011
Attualità - Botta e risposta tra Pd e l’assessore Saro Schembari

Il mercatino contadino delle polemiche incrociate

L’assessore al Commercio: «Falso dire che il mercatino ha chiuso per i debiti del Comune»

Il mercatino contadino di Comiso, continua a far parlare, anzi a polemizzare. Se da un lato il Pd ha attaccato l’amministrazione Alfano, accusandola di non sapere gestirsi i conti e non riuscire a prevedere se ha somme da destinare a certe iniziative, dall’altro replica l’assessore al commercio, Saro Schembari che in una nota dichiara: «Da notizie di stampa e con non poco stupore, ho appreso che il mercato degli agricoltori avrebbe chiuso per i debiti del Comune dopo appena un mese. Si tratta di una notizia del tutto falsa. L´iniziativa non solo continua regolarmente ma trova sempre più maggiori consensi tra i cittadini che lo affollano ogni mercoledì. Proprio oggi pomeriggio è stata fissata una riunione tra il sottoscritto, i rappresentanti del Consorzio Valle dell´Ippari nonché gli stessi operatori per definire i dettagli per la continuazione stabile del mercato che garantisce l´offerta ai cittadini di prodotti direttamente dal produttore al consumatore con notevole risparmio per i cittadini stessi oltre ad un´eccellente qualità della merce acquistata. Il mercato degli agricoltori, pertanto, non solo non chiude ma sarà potenziato per meglio ancora rispondere alle esigenze dei consumatori e degli stessi produttori. Preferisco siano i fatti a parlare e questi dicono che l´iniziativa è in atto e proseguirà in futuro nel migliore dei modi con buona pace delle cassendre di turno».

Ma il Pd si chiede se parliamo la stessa lingua a Comiso. Nella nota inviata dal segretario del Pd, Gigi Bellassai, non c’è traccia di alcuna dichiarazione che farebbe pensare alla soppressione del mercatino contadino, bensì solamente del fatto che «l’amministrazione comunale inaugura il «mercatino contadino» e dopo appena un mese si accorge di non essere in grado di sostenere i costi del personale per il montaggio dei gazebo. Ammesso e non concesso che la barzelletta dei debiti ricevuti in eredità sia vera a distanza di tre anni e mezzo, ci chiediamo ancora una volta come possa accadere che l’amministrazione comunale gestita malamente da Alfano & company, inauguri in pompa magna il «mercatino contadino», e che si accorga dopo solo un mese che non ha i soldi disponibili per pagare il personale comunale addetto al montaggio dei gazebo».