Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 644
COMISO - 29/10/2011
Attualità - Notizie poco confortanti giungono da Palermo

Precariato a Comiso, una storia infinita

La situazione attuale è questa: 53 co.co.co da stabilizzare, 90 ex Asu sono stabilizzati ma ricevono e riceveranno per altri 5 anni il finanziamento regionale, 8 di loro devono ancora essere stabilizzati

Saranno concluse le procedure di stabilizzazione al Comune? Una domanda che non ha ancora risposte almeno al comune di Comiso. Le ultime notizie che arrivano da Palermo, sono poco confortanti per una certa categoria di contrattisti a tempo, mentre per il personale precario ex Asu, sembrerebbe aprirsi uno spiraglio positivo. La Corte di Conti pare che abbia decretato dei tagli per tutto il personale in forza agli enti locali, che ha un contratto a tempo determinato tra cui forse andrebbero inseriti tutti i co.co.co.

Al comune di Comiso, questi lavoratori sono circa 53 e l’anno scorso hanno avuto una rimodulazione di contratto nel quale è stata posta la condizione che le stabilizzazioni sarebbero avvenute solo se la Corte dei Conti avesse espresso parere favorevole e se le figure professionali non fossero state soppresse nella dotazione organica. Dopo tale rimodulazione, quasi tutti i co.co.co si sono rivolti ad un legale poiché hanno ritenuto illegittima questa rimodulazione. I 53 precari a tempo sono del tutto a carico del comune, mentre gli ex Asu sono, per il 60 % a carico della Regione per i prossimi 5 anni. Anche nel caso degli ex Asu, sarebbe doveroso aprire una parentesi. Non è chiaro infatti come mai la legge prevede un finanziamento regionale pari all’80/ 90 % ed il comune di Comiso invece ne percepisce uno pari al 60 %.

Nel mese di luglio, il sindaco Alfano si è rivolto al prefetto per cercare di trovare soluzioni che portassero alla stabilizzazione dei 53 contrattisti. Cosa strana se si pensa che proprio il sindaco, aveva fatto partecipare i co.co.co agli esami per le selezioni avvenute nel dicembre 2009 e che nel loro contratto era prevista la stabilizzazione a partire dal primo gennaio 2013. Il prefetto rimandò l’incontro a settembre, ma da allora non si hanno più notizie anche perché è arrivato quello nuovo, Giovanna Cagliostro. In conclusione, 53 co.co.co sono ancora da stabilizzare, 90 ex Asu sono stabilizzati ma ricevono e riceveranno per altri 5 anni il finanziamento regionale, 8 di loro devono ancora essere stabilizzati. Questa è la situazione del precariato a Comiso.