Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 608
COMISO - 20/10/2011
Attualità - Preoccupazione per la riduzione delle ore lavorative dei vigili urbani

Comiso, a rischio la vigilanza municipale nelle scuole

L’allarme viene dal vice presidente del Consiglio Giuseppe Digiacomo

E’ a rischio il servizio di vigilanza nei pressi delle scuole di Comiso. Ciò metterebbe in pericolo l’incolumità degli alunni delle scuole a causa della riduzione oraria del personale in forza ai vigili urbani. Una denuncia forte che arriva da Giuseppe Digiacomo vice presidente del consiglio comunale di Comiso.

«A causa della diminuzione delle ore lavorative- dice Digiacomo- per gran parte del personale del corpo dei Vigili urbani, non si riesce a garantire il servizio di vigilanza e controllo della viabilità in tutte le scuole di Comiso fino a dopo l´uscita degli studenti». Non solo. Digiacomo, ha segnalato anche comportamenti stradali poco corretti da parte di automobilisti nei pressi delle scuole: «Invito i conducenti –dice Digiacomo- ad avere più rispetto del codice stradale, a non creare situazioni di ingorghi per soste selvagge, o a creare altri pericoli dovuti esclusivamente ad atteggiamenti di pura convenienza personale che sfociano nella irregolarità».

Il vice presidente, però, ha dato anche un suggerimento all’assessore alla viabilità Nenè Amenta, chiedendo che si attivi per cercare collaborazioni presso associazioni di volontariato che non gravino economicamente sulle casse del comune. «Ritengo indispensabile – ha concluso Digiacomo - la presenza di personale di vigilanza e controllo davanti alle scuole, per garantire maggiore sicurezza agli studenti ed meno preoccupazione ai genitori e per garantire una forma di deterrente contro quelle forme di devianze sociale che si manifestano con maggiore assiduità proprio in prossimità delle scuole».