Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 814
COMISO - 18/10/2011
Attualità - Il presidente della Commissione ambiente chiede di fare chiarezza sulla differenziata

Fianchino, Pd: "I Rangers rovistano l’immondizia"

Nessuno è autorizzato a rovistare nei rifiuti. L’assessore all’ambiente conferma

Altra anomalia del servizio di raccolta differenziata a Comiso. E’ quella evidenziata da alcuni gruppi di opposizione e riguarda il servizio di volontariato dell’associazione Rangers Trinacria che, agli angoli delle strade, pare rovistino nei sacchettini di immondizia, specialmente quelli della carta per individuare, tramite rifiuti, a chi appartengono. Oltre all’interrogazione consiliare presentata due settimane fa dal gruppo Progresso Sud, il presidente della terza commissione consiliare ambiente, Fabio Fianchino del Pd ha convocato la commissione, per fare chiarezza su quanto denunciato da numerosi cittadini.

Alla seduta ha partecipato anche l’assessore all’ambiente, Nenè Amenta, che ha smentito categoricamente che i volontari dell’associazione, abbiano questo mandato. Fianchino ha dichiarato che l’assessore ha puntualizzato che i Rangers, non solo non hanno alcun mandato o incarico del genere, ma che non possono fermare la gente, chiedendo un documento identificativo e che non esiste alcuna convenzione con il comune di Comiso per l’espletamento di qualunque altra funzione. L’associazione quindi, da parte dell’ente locale, non percepirà alcun contributo.

Amenta invece, ha spiegato ai membri della terza commissione, che i volontari hanno solo il compito di fornire informazioni alla gente su come effettuare la differenziata. L’assessore ha anche specificato in commissione che comunque il rilievo della targa non è un reato ascrivibile alla violazione della privacy, poiché un qualunque cittadino è autorizzato a farlo, quando vede compiere un’infrazione di qualsivoglia genere.