Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1105
COMISO - 23/09/2011
Attualità - Aeroporto Magliocco, forse è la volta buona per l’atto di passaggio

Domani passaggio terreno aeroporto da Regione a Comiso

Il sindaco Giuseppe Alfano dà la notizia e annuncia la presenza dell’assessore Armao. Minardo duro con Tremonti: «Il suo mutismo è uno scherno verso la nostra gente»
Foto CorrierediRagusa.it

Il sedime dell’aeroporto passa finalmente al comune di Comiso. La Regione effettuerà darà corso all’evento tanto atteso martedì 27 settembre. Per l’occasione sarà presente a Comiso, anche l’assessore regionale all’Economia, Gaetano Armao. A comunicare la notizia senz’altro positiva nell’iter che porterà alla prossima apertura della struttura, il sindaco Giuseppe Alfano (foto).

«L´atto che sarà siglato martedì prossimo conferma che avevamo visto bene- dichiara Alfano - Siamo stati in grado di ottenere la concessione di strutture immobiliari che non solo permetteranno nei prossimi anni un ulteriore sviluppo dell´aeroporto con tutti i relativi spazi di diretta pertinenza, ma, tale atto, consentirà di attrarre investimenti pubblici e privati per la riqualificazione dei terreni e degli edifici in consegna perché possano essere sfruttati ai fini turistici e commerciali».

«Chiusa questa fase – continua il primo cittadino - immediatamente dopo interloquiremo col ministero della Difesa per concludere gli ultimi accordi finalizzati alla concessione della rimanente parte del sedime, cioè quello esistente oltre la pista aeroportuale, area ancora più consistente e perciò stesso più appetibile ai fini di una riqualificazione a usi civili e commerciali. Non posso non rilevare come l´operatività degli enti interessati abbia permesso di attenersi ai tempi precedentemente calendarizzati, dando così prova di efficienza e capacità gestionale. Vista l´importanza del momento che vivremo da qui a qualche giorno, abbiamo voluto invitare anche il presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo, oltre all´assessore Armao che ha già assicurato la sua presenza a Comiso, nonché la deputazione regionale e nazionale della provincia di Ragusa, il presidente della stessa Provincia Regionale, il presidente della Camera di Commercio di Ragusa, il comandante della base di Sigonella, il presidente di Soaco e tutti gli altri rappresentanti delle categorie economiche del territorio».

Accanto alle dichiarazioni di Alfano, arrivano anche quelle del deputato nazionale, Nino Minardo che, in merito alla firma ancora mancante del ministro Tremonti, ha dichiarato: «Condivido le critiche di Gianfranco Micciché al silenzio di Tremonti. La firma del decreto interministeriale adesso non tollera un giorno di più; l’assordante mutismo del ministro appare davvero come un gesto di scherno verso la nostra gente».


RESPONSABILITA´
26/09/2011 | 18.56.26
ARISTARK

E vogliamo dimenticare tutti quelli che hanno messo in moto tutto questo incredibile castello in aria senza avere previsto, studiato e programmato tutto quello che era giuridicamente, economico e tecnicamente necessario non solo per costruire l´aeroporto, ma soprattutto per farlo funzionare e renderlo operante?
L´aeroporto sarà nei secoli il monumento dell´insipienza della classe politica della provincia di Ragusa!
DILETTENTI ALLO SBARAGLIO, SUPERFICIALI E INCAPACI!


aeroporti
25/09/2011 | 15.21.59
giusalme

Il Presidente della Regione ha dichiarato ,leggi GdS di oggi a pag.7,che si farà l´aeroporto di Agrigento" ora ,poichè è antieconomico che due aeroporti coesistano a una distanza l´uno dall´altro inferiore a 50 chilometri ,su chi ricade la responsabilità della nancata apertura dell´aeroporto di Comiso?Sul silenzio del ministro Tremonti o sulle chicchiere del presidente Lombardo?


aeroporto di comiso
24/09/2011 | 11.57.57
giusalme

le critiche dei parlamentari non si sono però concretizzate in atti ispettivi,interrogazioni e interpellanze.Perchè?