Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 843
COMISO - 21/09/2011
Attualità - Fermenti finanziari nell’amministrazione comisana

Giunta approva bilancio, ma arriva il commissario

Ok della giunta al bilancio di previsione annuale e pluriennale. Ma per l’approvazinoe del consuntivo 2010 arriva di nuovo il commissario straordinario
Foto CorrierediRagusa.it

La giunta amministrativa di Comiso si è riunita per presentare al consiglio comunale la proposta di bilancio di previsione annuale e pluriennale, che dovrebbe consentire l’impegno di somme per l’erogazione dei servizi e l’amministrazione ordinaria della città. «Abbiamo inserito in queste previsioni di bilancio – ha dichiarato l’assessore Dante Ditrapani (foto) - i debiti fuori bilancio così come da richiesta dei revisori dei conti, cosa questa che avevamo già stabilito a prescindere dalle osservazioni mosse dal consiglio comunale che aveva bocciato il consuntivo, sulla scorta della relazione dei revisori. Questi debiti fuori bilancio, sono stati distribuiti nella proposta di bilancio preventivo annuale e pluriennale per cui, non ci dovrebbero essere scossoni una volta in consiglio».

Resta però ancora in sospeso, l’approvazione del bilancio consuntivo 2010. La regione pare abbia rinominato il commissario straordinario, che dovrebbe avere l’incarico di approvarlo. Sembra anche che la regione stia inviando un commissario straordinario, proprio per il bilancio preventivo, ma l’assessore Ditrapani ha dichiarato che ancora al Comune non è stato ufficialmente notificato niente. Indiscrezioni di corridoio dicono pure che altri commissari stanno per arrivare al comune, alcuni per le sentenze esecutive di pagamenti vari ed uno per il PRG in particolare per lo sblocco dell’ambito 4, del piano particolareggiato, a causa del quale, il PRG è fermo da tre anni.