Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 716
COMISO - 17/09/2011
Attualità - Una soluzione positiva nonostante le difficoltà economiche

Salvo il volontariato per bambini disabili nelle scuole

L’assessore Schembari: «La società civile si dimostra vivace e fiorisce di attività di volontariato»
Foto CorrierediRagusa.it

Una soluzione senz’altro positiva, quella individuata dall’assessore alla pubblica istruzione, Maria Rita Schembari (foto), a fronte degli enormi problemi economici che l’ente comune, a difficoltà, riesce a fronteggiare e che, senza questa soluzione, non avrebbe potuto garantire per quest’anno, il servizio di assistenza scolastica ai bambini disabili.

«Per fortuna la società civile si dimostra vivace e fiorisce di attività di volontariato organizzate in associazioni – ha commentato la Schembari -. E’ con una di queste, ed in particolare con «Il piccolo principe» di Ragusa, che gli uffici della Pubblica istruzione del Comune si sono trovati a collaborare in un felice connubio, alla ricerca di una soluzione immediata ed ottimale del problema. Grazie al progetto presentato dai responsabili dell’Associazione, all’opera di vero volontariato che sarà prestata da operatori qualificati il servizio è partito regolarmente già dal primo giorno di scuola».

Un passaggio polemico della Schembari, nei confronti del Pd che, qualche giorno fa in una nota, aveva chiesto all’amministrazione di spiegare ai cittadini il perché della non attivazione del servizio. «Aspettare che capiti il peggio – ha concluso l’assessore- e pregustare con soddisfazione un disservizio, che andrebbe a penalizzare le fasce più deboli della nostra comunità cittadina, non rientra, a mio modo di vedere, all’interno di alcuna logica dettata da sana dialettica politica; non costituisce alcuno sprone positivo per nessuno».