Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 627
COMISO - 12/07/2011
Attualità - Pippo Digiacomo tiene alta l’attenzione sull’aeroporto

Magliocco, neanche la cenere dell’Etna accelera i tempi

Dibennardo (Soaco) chiede incontro con Lombardo per capire come vanno spesi i soldi: «Pagare i controllori di volo o incentivare le compagnie?» Cascone della Camera di Commercio: «Intanto spendiamoli subito e accorciamo i tempi»
Foto CorrierediRagusa.it

La cenere dell’Etna non fa più paura, Comiso può rimanere ancora nello stato in cui si trova. Le dichiarazioni del ministro Stefania Prestigiacomo si aggiungono a quelle entusiastiche dei colleghi Altero Matteoli e di Angelino Alfano, che nel corso della sua ultima visita a Ragusa s’impegnò a fare firmare Tremonti all’indomani della vittoria di Nello Dipasquale sindaco. Dal 13 giugno al 13 luglio è passato un mese, Alfano è diventato segretario del Pdl, lascerà il ministero, si candiderà a premier alle prossime elezioni, ma dell’aeroporto non si parla più.

Ci pensa il solito, il deputato regionale Pippo Digiacomo, a innescare la solita scintilla. «Accolgo positivamente le dichiarazioni del ministro Prestigiacomo, nonché l´impegno a sollevare il caso Comiso al presidente Berlusconi. Speriamo non faccia la fine del collega Matteoli che doveva venire a brindare in primavera per l´apertura dello scalo. Figuraccia mondiale sua e del sindaco di Comiso che si beava scodinzolante delle panzane del suo ministro. Speriamo non faccia la fine dell´altro suo collega, il neo-segretario Angelino Alfano che doveva recapitare brevi manu il decreto al sindaco Dipasquale, subito dopo le elezioni».

Digiacomo dopo le battute delle quali non può fare a meno, commenta l´unica cosa certa: « I quattro milioni e mezzo stanziati - per impegno nostro e del governatore Lombardo - dalla Regione siciliana e che dovrebbero fare vergognare il Governo nazionale».

Rosario Dibennardo, presidente della Soaco, incontrerà presto il presidente della Regione Lombardo. Si vuole sapere a chi andranno i 4,5 milioni stanziati dalla Regione, alla Soaco o al Comune di Comiso? «Servono per incentivare le compagnie aeree o per pagare i controllori di volo? Io sono fiducioso: spero che lo Stato paghi i controllori in modo da utilizzare i fondi per incentivare le compagnie a investire nel nostro aeroporto. Che forse i soldi andranno al comune esattamente come quelli stanziati per la legge su Ibla? Adesso c’è anche l’attenzione del ministro Prestigiacomo e questo è positivo».

Stessi interrogativi si pone il presidente della Camera di Commercio Giuseppe Cascone, che vuole sapere come dovranno essere spesi i soldi già finanziati. «Perché non si comincia intanto utilizzando i 4,5 milioni? si chiede Giuseppe Cascone.

Nella foto sopra, la protesta davanti al ministero dell´Economia della delegazione ragusana