Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1045
COMISO - 07/07/2011
Attualità - Il patrono casmeneo viene solennizzato due volte l’anno

Tutto pronto a Comiso per la festa di San Biagio

Al santo è riconosciuta la capacità di fare i miracoli nella guarigione delle malattie alla gola
Foto CorrierediRagusa.it

Comiso pronta a festeggiare il patrono San Biagio domenica. Il patrono casmeneo, viene solennizzato due volte nell’arco dell’anno, il 3 febbraio, secondo il calendario della Chiesa Cattolica, la 2. domenica di luglio, nella quale viene fatta la processione esterna.

Inoltre, l´11 gennaio ricorre la giornata di ringraziamento a San Biagio per aver attenuato gli effetti del terremoto del 1693. San Biagio, vescovo e martire, era venerato a Comiso già nel 3° secolo ed era stato scelto come Patrono della comunità nel 7° secolo. Vissuto tra il III e il IV secolo a Sebaste in Armenia, è venerato come santo dalla chiesa cattolica e dalla chiesa ortodossa. Era medico e venne nominato vescovo della sua città.

A causa della sua fede venne imprigionato dai romani, durante il processo rifiutò di rinnegare la fede cristiana; per punizione fu straziato con i pettini di ferro, che si usano per cardare la lana. Morì decapitato. San Biagio muore martire tre anni dopo la concessione della libertà di culto nell´Impero Romano. Oggi si celebra anche in funzione dei miracoli accreditatigli, in merito a malattie legate alla gola. Infatti, durante i festeggiamenti di febbraio, i fedeli vengono benedetti alla gola con un cero benedetto.