Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1351
COMISO - 25/05/2011
Attualità - Scontro sul bilancio e sui debiti comunali

Pasquale Puglisi: "Bilancio comunale inattendibile"

L’ex sindaco del centrodestra fa le pulci alla contabilità dell’amministrazione comunale. «Nel 2010 disavanzo di 1 milione e 380 mila. Non sono stati previsti le somme che il Comune deve a vario titolo»
Foto CorrierediRagusa.it

Pasquale Puglisi (foto) spara a zero su Alfano. «I numeri danno la misura del tradimento di Alfano: non è riuscito a risanare le casse comunali, come è palese a tutti; è riuscito, però, occultando i debiti e mistificando la realtà, ad emulare un modello amministrativo fortemente criticato che si era impegnato a sostituire». Il consigliere Puglisi della lista la Torre, «dà numeri» allarmanti sui debiti dell’amministrazione Alfano. Secondo Puglisi, il Collegio dei Revisori ha bocciato il consuntivo 2010 del Comune di Comiso predisposto dalla giunta Alfano perché «non sufficientemente attendibile».

«Una veloce lettura della relazione dell’organo di controllo ‫ dichiara il consigliere - spiega i dubbi sull’attendibilità del documento contabile. Esso, infatti, non registra alle uscite: debiti fuori bilancio per sentenze esecutive note agli uffici. Debiti non ancora riconosciuti per il mancato espletamento delle relative pratiche, per complessivi 854.147,97 euro. Debiti riconosciuti dal consiglio, ma con pratica di finanziamento non attivata per complessivi 305.432,00 euro. Mancando la certificazione attestante l’inesistenza di altri debiti non previsti in bilancio, è lecito dubitare che ve ne siano altri e la somma sia ben più alta di quella indicata sopra».

Pasquale Puglisi, parla anche di differenziale negativo 2010 relativo a tre contratti di finanza derivata per 237.594,25 euro. Va ricordato che i redditi di finanza derivata, sono già da qualche anno, nel mirino della Guardia di finanza. Per Puglisi è facile constatare il disavanzo reale minimo della gestione 2010 che «è di circa 1.380.000 euro (ma potrebbe essere, nella realtà, molto di più). Altro che avanzo positivo di 17.021,61 euro! È facile far quadrare i conti omettendo ciò che si deve»! Parole difficili per chi ha poca dimestichezza con i bilanci degli enti pubblici, ma che si possono meglio sintetizzare, secondo quanto dichiarato da Puglisi, spiegando che, nella chiusura del bilancio relativo al 2010 non sono stati inserite le somme che il comune deve a vario titolo.