Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1118
COMISO - 10/05/2011
Attualità - Novità in vista per ambulanti e cittadini comisani

Il mercato settimanale di Comiso ha cambiato sede

L’assessore Nanè Amenta spiega la bontà dell’iniziativa: «Si comincerà in fase sperimentale dopo l’estate»
Foto CorrierediRagusa.it

Sarà spostato il mercato settimanale di Comiso da via Cecov a viale Europa (nella foto). Novità per ambulanti e cittadini. Questa la decisione presa in collaborazione tra gli assessorati al commercio ed alla viabilità. Il mercatino settimanale si trova attualmente in via Cecov, zona che negli ultimi anni ha visto aumentare notevolmente la densità dei nuclei abitativi.

L’assessore alla viabilità Nanè Amenta ha spiegato che mantenere il mercatino in via Cecov, creava non pochi problemi alla viabilità ed alla sicurezza poiché i mezzi di soccorso avevano serie difficoltà a transitare. «La zona 167 – ha spiegato Amenta – in particolare il viale Europa, si presta molto meglio ad accogliere i circa 300 ambulanti a posto fisso, perché il nucleo abitativo è minore rispetto a quello dove attualmente è allocato il mercato, ed è facilmente raggiungibile dalle traverse che sfociano in via Gandhi e corso Ho Chi Minn. Lo spostamento verrà fatto in via sperimentale probabilmente subito dopo l’estate, per un solo venerdì al mese e solo al termine della sperimentazione, si valuterà se lasciarlo in viale Europa definitivamente.

"Credo – ha concluso Amenta – che sia la soluzione migliore anche per quanto riguarda le aree da destinare a parcheggio, perché a ridosso della zona 167, ci sono terreni molto estesi, di proprietà comunale». L’assessore Amenta ha anche specificato che ci sono già delle interlocuzioni tra l’assessore al commercio, Saro Schembari, e gli operatori di settore, per vedere se c’è anche l’accordo degli stessi.