Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1381
COMISO - 26/03/2011
Attualità - Comiso: L’Ars approva emendamento salva strutture ospedaliere

Salvi Pronto soccorso Comiso e Scicli e Presidio di Scoglitti

La soddisfazione del deputato Pippo Digiacomo, componente la Commissione parlamentare Ars dei Servizi socio-sanitari: «Ottenuto un grande risultato, ma l’impegno continua per il progetto di rilancio di tutta la sanità»
Foto CorrierediRagusa.it

Salvi i pronto soccorso di Comiso e Scicli, ed il Presidio territoriale d’emergenza di Scoglittti. Dopo una dura polemica che ha visto in prima linea la deputazione regionale iblea, e dopo i numerosi incontri tra l’assessore regionale alla sanità Massimo Russo, il direttore generale dell’Asp 7 di Ragusa Ettore Gilotta e i deputati iblei, tra cui Pippo Digiacomo (foto) che fa parte della commissione parlamentare dell’ Ars «Servizi sociali e sanitari», pare che sia stato eliminato il pericolo di chiusura del pronto soccorso, soprattutto quello di Comiso, al centro di polemiche ed iniziative già da tempo.

Digiacomo, ha infatti comunicato che in data 24 marzo la VI^ Commissione parlamentare dell´Ars (servizi sociali e sanitari), ha emesso il parere vincolante al Piano Sanitario Regionale 2010-2013. Al comma 3 è stato votato all´unanimità, e con parere favorevole dell´assessore Massimo Russo, l’emendamento proposto dall´on. Digiacomo: «Negli stabilimenti ospedalieri con reparti di chirurgia vengono mantenuti i presidi di emergenza-urgenza (pronto soccorso, PTE, PPI ed altre strutture organizzative) articolari in relazione alle esigenze distrettuali".

Ciò vuol dire che i pronto soccorso di Comiso e Scicli e il PTE di Scoglitti non chiudono, anzi la loro presenza si consolida per norma pur lasciando l´Azienda libera di apportare sistemi di interventi migliorativi rispetto alla massima salvaguardia della salute del cittadino. "Esprimo soddisfazione - dichiara l´on. Digiacomo - per l´importante risultato ottenuto, ma l´impegno continua poiché il progetto di rilancio della sanità iblea non si esaurisce solo nella rete dell´emergenza-urgenza, sebbene la sua rilevanza strategica risulti essere di enorme impatto emotivo e sociale".