Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 661
COMISO - 13/03/2011
Attualità - Comiso: censimento dell’immondizia abusiva comisana

Contrada Billona sede delle discariche a Comiso

Denuncia di Gaetano Gaglio, Pd: "I cumuli di rifiuti sono ormai una spiacevole componente del panorama che circonda Comiso"
Foto CorrierediRagusa.it

Il fenomeno, già a livelli preoccupanti nei mesi scorsi, continua a crescere mentre i cittadini continuano a vedere le proprie segnalazioni cadere nel vuoto senza riuscire a sortire alcun effetto. Se all’incuria dei vandali si aggiunge però l’impalpabilità dell’azione amministrativa non ci attende certo un futuro migliore in vista della stagione calda.

Si tratta di un fenomeno annoso e non nasce con l’Amministrazione Alfano. La denuncia arriva da Gaetano Gaglio, dirigente del Pd comisano. Purtroppo però in questi ultimi tempi i cittadini della nostra città, oltre ad assistere ad una recrudescenza di comportamenti vandalici ed alla nascita di nuovi cumuli di rifiuti, alcuni di dimensioni decisamente imbarazzanti, devono fare i conti con la frustrazione di chi vede le proprie segnalazioni cadere nel vuoto. E’ emblematico l’episodio che ha interessato, e purtroppo incredibilmente interessa ancora, contrada Billona.

Non bastava che i residenti della zona da mesi assistessero impotenti alla trasformazione di un’area attrezzata con cassonetti per rifiuti in una discarica tipo industriale, con cumuli che eccedevano la capienza dei contenitori e rarissime operazioni di bonifica e rimozione del materiale accumulatosi negli spazi limitrofi.

l 21 febbraio scorso l’ormai «classico» incendio dei cassonetti eliminava nel peggiore dei modi non soltanto i rifiuti accumulati ma anche i contenitori ad essi destinati. Da quel momento iniziava la battaglia dei residenti contro il muro di gomma amministrativo: segnalazioni, incontri, solleciti a fronte dei quali vane promesse e risposte di circostanza costituivano solo i primi risultati.